Mar 28 Marzo 2017

Ilaria Muggianu Scano

Figlia dell' Atene Sarda, è il motto di Sororità a sospingere il suo inchiostro. Vivere è comunicare, l'antropologia la chiave di lettura. Dai suoi studi Teologici prende quanto serve a dire che l'Uomo è universo da raccontare. L'esistenza di Grazia Deledda l'ha convinta della reincarnazione.

ultimi articoli di "Ilaria Muggianu Scano"

Su Nudeu. L'amuleto della riconciliazione tra famiglie rivali

Su Nudeu. L'amuleto della riconciliazione tra famiglie rivali

 

Chi indossava su Nudeu non accettava l'etichetta di "superstizioso". Cosa sperava chi indossava il prezioso talismano?

Su Pani russu a Sogra e Nura, la diatriba tra suocera e nuora

Su Pani russu a Sogra e Nura, la diatriba tra suocera e nuora

 

Un tempo fatica e gusto si incrociavano col sapiente umorismo della donna sarda. Avveniva presso i forni del paese e quando la realtà era difficile da cambiare era giunto il momento di riderci su

Gisella Congiu e il miracolo sotto le macerie della guerra

Gisella Congiu e il miracolo sotto le macerie della guerra

 

Sarebbe bello ritrovare il quadro della Madonna dei sette dolori e ricucire così la storia prodigiosa che dalla Sardegna portò un anelito di speranza oltre il mare durante la Seconda Guerra Mondiale

Agalattía materna. La forza maligna del latte rubato

Agalattía materna. La forza maligna del latte rubato

 

L'arrivo di un figlio era la firma della benedizione di Dio. Come interpretare, dunque, l'impossibilità di assicurare il cibo al proprio erede? Le medichesse del villaggio sapevano come rimediare

Su Bintichimbe e la magia del sacro Monte Gonare

Su Bintichimbe e la magia del sacro Monte Gonare

 

Su pane de su Bintichimbe, s'ovu de su Bintichimbe: ogni realtà della quotidianità barbaricina, a partire dall'epoca Pisana, è permeata di sacro. Un monte, un santuario e la magia di una data

Storia a lieto fine di Ihlam Mounsiff, tra discriminazione e orgoglio

Storia a lieto fine di Ihlam Mounsiff, tra discriminazione e orgoglio

 

Il sogno della giovane di Barisardo, Ihlam Mounsiff, è costato una doppia fatica: il grande sacrificio del conseguire il titolo in tempi record e quella più dura, farsi accettare come Italiana

Miur: "Lo studio di Grazia Deledda educa a credere nei vostri sogni"

Miur: "Lo studio di Grazia Deledda educa a credere nei vostri sogni"

 

Scuola, al via il bando: progetti e iniziative per ricordare Grazia Deledda. Progetti, iniziative e seminari per promuovere tra le nuove generazioni la conoscenza della produzione di Grazia Deledda.

Su dolu, il lutto in Sardegna dove lieto è vivere e dolce morire

Su dolu, il lutto in Sardegna dove lieto è vivere e dolce morire

 

Deus daet su dolu e fintzes su consolu. Un'esistenza improntata al mistero del dolore necessario al senso sacro della vita. Su dolu è il complesso dei riti funebri nella Sardegna di ieri di oggi

Sa Padrina. Perché in lingua sarda la madrina è maschile?

Sa Padrina. Perché in lingua sarda la madrina è maschile?

 

Doveva avere requisiti particolari per poter ambire ad un ruolo tanto rilevante all'interno della comunità. Ma, in Sardegna, sa padrina era appena la versione maschile del padrino?

Angelica Perra. Comunicare emozioni senza usare le parole

Angelica Perra. Comunicare emozioni senza usare le parole

 

Far fronte alla grande emergenza educativa odierna si può. Per Angelica Perra la risposta è l'educazione all'ascolto della parte più nobile dei giovanissimi, quella sensibile alla bellezza musicale

Sas Tres Marias e il sacerdozio femminile in Sardegna

Sas Tres Marias e il sacerdozio femminile in Sardegna

 

Viene da Orgosolo il culto religioso che un tempo tributava grande prestigio alle donne in ambito religioso. Nelle mani de sas tres Marias era il potere di decretare il successo del legame sponsale

Sa Pippía de Caresima.  Il giocoso calendario d'avvento pasquale

Sa Pippía de Caresima. Il giocoso calendario d'avvento pasquale

 
autore di Ilaria Muggianu Scano |

Sa Pippía de Caresima, la bambola di pane che dichiarava la fine dei fasti del Carnevale, era amata dai bimbi come gioco che aveva la durata di un lungo Barantinu, la dura quaresima dell'entroterra

1 2 3