Donna Sarda http://www.ladonnasarda.it/ Donna Sarda donnasarda.it donnasarda.it http://www.ladonnasarda.it/img/donnasarda.png http://www.ladonnasarda.it/ Cun sa fémina is diccius sardus segaiant a férru fénugu http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7152/cun-sa-femina-is-diccius-sardus-segaiant-a-ferru-fenugu.html In is diccius antigus tottus is malis de su mundu creau pariant crupa de sa femina. A inantis de na coja fiat una crosidadi manna meda a intendere is antigus faendo a timiri a is isposos. Unu spassiu <p>Scrivere in Lingua Sarda comporta un ragionamento e un vissuto intimo delle proprie radici che, sperando di fare cosa gradita, da oggi porgiamo a voi lettori.</p><p><strong>Parlare il Sardo &egrave; ragionare nel vigore della propria identit&agrave;</strong>. Essere confinati in una realt&agrave; di disglossia - &nbsp;in cui il popolo pu&ograve; parlare la propria lingua solo in ambiente familiare - da quasi due secoli, per alcuni &egrave; fatto umiliante, e se forse non &egrave; stato sempre un male, certamente &egrave; un bene capire da dove arriviamo, tenendo fermo quanto Gramsci, e altri con lui, osservarono a tempo debito: <br /><strong><span style="color: #808080;"><em>&laquo;Il Sardo non &egrave; un dialetto ma una lingua a s&eacute; ed &egrave; bene che i bambini imparino pi&ugrave; lingue&raquo;</em></span></strong>. <br />Per Emilio Lussu la Lingua &egrave; condizione indispensabile al futuro della Sardegna: <br /><em><span style="color: #808080;"><strong>&laquo;Il popolo sardo non pu&ograve; fallire. Ma si estingue anch&rsquo;esso se perde la Lingua&raquo;.</strong></span></em>&nbsp;</p><p>Riconosciuta ufficialmente come Lingua dalla Comunit&agrave; Europea e dal Governo italiano, noi cerchiamo di auspicarne sia la comprensione che l'uso partendo da una am&eacute;na riflessione attinente alla nostra linea editoriale: la figura della donna nei proverbi sardi. Secondo la nostra ricerca la donna era spesso vittima di pregiudizi e sbeffeggiata (pr&iacute;ulada) soprattutto se forestiera. Da qui il nostro titolo "Cun sa f&eacute;mina is diccius sardus segaiant a f&eacute;rru f&eacute;nugu" ovvero "I proverbi sardi massacrano la donna senza criterio". Come, dunque, veniva percepito il ruolo femminile nella societ&agrave; arcaica sarda? &nbsp;</p><p>*Bibliografia di riferimento Giovanni Spano, Antonino Rubattu, Giovanni Mura, Max Leopold Wagner, Mario Puddu, Massimo Pittau, Vincenzo Porru.&nbsp;</p><p><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/14/uid_15c0d04b249.450.0.jpg" alt="" width="250" align="left" data-didascalia="" data-credits="" /><em>Sa limba de is Sardus est antiga a bisu meu cantu, e fintzas e de prus, de is nuraxis. Podeis crere tottu is fainas ci at depiu descriri. A calecuna crosidadi nci podeus arribari scultandu is diccius geniosos de is antigus ci como, in beranu, accustumant a si setzere in brunc'e janna a sterrere allegas medas.</em><br /><em>Intra i diccius de prus'ispassiu cussus imbenturiaus po is feminas, o po mengius narriri po is pobiddas, giai faint erriri ma sunti pentzaus po induxiri a no fari is cosas cena sentidu perunu.</em></p><p><em>Paragonait bosatrus ita oliat narriri a si cojari in antigoriu: <span style="text-decoration: underline; color: #0000ff;"><strong><a style="color: #0000ff; text-decoration: underline;" href="http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/6403/il-romanticismo-de-sa-coja-antiga-in-un-paese-senza-tempo.html" target="_blank">sa coja</a></strong></span> no fiat cosa stibilia a sa lestra, cun su sentidu a pesone. Sa gente, de gandu all&uacute;esc&iacute;at, fiat pentzandu a comente agattari trabaxiu po si sistemari, po si fari sa domo e si ciappari na brava picciochedda po tennere fixiusu cantu sa gratzia de Deus ndi mandada. A innanti de sa scebera, in domo s'&oacute;mini foeddada cun sa familia e, mancari asutt' e matafura, poitta ca non fiat costumini a chistionari de amore e sentimentos cena unu filu de bregungia, e tandru umperaiant is diccius. </em></p><p><em>Su prus nod&iacute;u, a bisu meu, est "Cuaddu e pobidda leadiddus in bidda". S'intesione fiat prus che crara: su strumentu po trabaxiari e su strumentu po' si fari familia (che ci narriri sa f&eacute;mina) fiat a si ddus ciccari in logu seguru.</em></p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/14/uid_15c0d04a159.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/14/uid_15c0d04a159.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="Anziano patriarca sardo" data-credits="" /></a></div><p><em>Su penztamentu prus mannu fiat agattari una pobidda ci fessit capassa de contifixiari sa domo, sa bellesa beniat a pustis meda, difatti is antigus accostumant a sententziari: "Bellesa no fait domo". <br /></em><em>Un'atru dicciu giai giai oguali fiat: "Sa femina est che sa mela: bella infora e punta aintru", che ci narriri ca bisongiaiat a tennere is ogos apertos a innantis de si cojari po no agattari malas improvvisadas a sa coa. Senonch&eacute;, fintzas a candu sa femina fiat giai sceberada, abarraiant in dudas ettottu: difatti is beccios fiant cunvintus ca: "Tres cosas sunt trevesas in su mundu: sa breb&eacute;, su molente e sa femina". Ci unu fiat indecidiu no fiant de aggiudu meda, si benit a narriri. <br />Sa femina ci pariat balente no fiat aggradessia meda poita timiant ca "Sa femina puntuda sbregungiat su pobiddu"; a no ddi ponnere sal&iacute;a in su nasu a sa femina no fiat una virtudi po issa, timiant prus a prestu a no fari agattari mali su pobiddu, "po no ddi nci cravari su runcu in su ludu" accustumaiant a narriri.</em></p><p><em>In cali manera si siat, f&uacute;rria e torra a f&uacute;rri&agrave;ri, fiat sempre crupa de sa femina ci calecuna cosa no andaiat bene, tandru narant: "Ita crupa tenet su attu ci sa messaja est macca?". </em><br /><em>Ci sa femina fiat alligra meda no andaiat bene ettotu, poitta pentzanta ca: "Femina risulana, o est macca o est vana" e ci fiat abrista ndi bogaiant su dicciu ca su pobiddu fiat unu conta civraxius: "Pobiddu tanalla, pobidda fraitza", a cini da boliat cotta a cini da boliat crua. </em></p><p><em>Benendo a conclusione, is antigus tim&iacute;ant ci su mundu fessit furriau a su imbesse: dogna cosa deppiat abarrari a su s&eacute;ttiu connottu diffenente in nudda, difatti naraiant: "Bardad&iacute;a de femina chi tenet boghe de homine e de homine chi tenet boghe de femina". E dognunu in su tanti sua.</em></p><p>&nbsp;</p><p style="text-align: right;"><span style="font-size: 12pt;">&copy;Riproduzione riservata</span></p><p style="text-align: right;"><span style="font-size: 12pt;">&nbsp;</span></p> NEWS tradizioni poesie limba lingua sarda Thu, 11 May 2017 23:19:48 GMT http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7152/cun-sa-femina-is-diccius-sardus-segaiant-a-ferru-fenugu.html ilaria.muggianu.scano 2017-05-11T23:19:48Z Fogatzedda, la donna che salvò il Cagliari calcio http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7149/fogatzedda-la-donna-che-salvo-il-cagliari-calcio.html Il calcio è ritenuto a furor di popolo l'ambiente più incline alla superstizione. "Squadra che vince non si cambia", e quell'estate del 1931 fa vacillare anche le teorie dei piú scettici sulla fortuna <p>&Egrave; una nuvola di paillettes scintillanti <strong>Anna Foguez</strong>, piume e lustrini che abbagliano la notte dei gaudenti <em>viveur</em> sardi che al mattino sono placidi padri di famiglia, professionisti e soprattutto... tifosi del Cagliari.</p><p>Il campionato in corso &egrave; quello del 1930-31. <strong>La societ&agrave; rossoblu &egrave; a un passo dal fallimento</strong>. "Si tratta di una scalogna quanto mai ricorrente nella storia decennale della Societ&agrave; Cagliari Calcio, ma stavolta si profila davvero il disastro finanziario", sentenzia la stampa locale al termine dei primi due lustri della squadra vessillo sportivo dell'isola intera.</p><p><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/14/uid_15bf3cfb660.450.0.jpg" alt="" width="250" align="left" data-didascalia="" data-credits="" />&Egrave;&nbsp;a questo punto che sport e spettacolo si stringono in un sodalizio destinato a entrare prepotentemente nella storia del costume italiano. Una mano lava l'altra e insieme lavano il viso: &egrave; qui che entra in gioco il carisma scenico della <strong>soubrette Anna Foguez, affettuosamente ribattezzata a Cagliari "<em>Fogatzedda</em></strong>" , cio&eacute; focaccina.</p><p>In breve tempo la prima donna della compagnia teatrale del napoletano Ren&eacute; Thano <strong>viene eletta per acclamazione "Mascotte rossoblu"</strong>. Luoghi d'elezione del divertimento Cagliaritano sono l'Eden Park e il Lido del Poetto e Anna Foguez provvede ad animare entrambi con delle serate a pagamento i cui proventi andranno a sanare le finanze mal ridotte della squadra.</p><p>F<strong>ogatzedda &egrave; legata da antica amicizia al celebre Marinetti,</strong> intellettuale futurista e senatore Fascista del quale ripropone poemi gi&agrave; famosi riadattandoli alla glorificazione del team cagliaritano. Con "Abat-jour tu diffondi una luce rossoblu" Anna Foguez rompe brillantemente gi&agrave; dalla prima ora, incalza il pubblico a sottoscrivere l'abbonamento alla squadra del cuore e del sangue sardo. Canta Anna Foguez:</p><p><em><strong><span style="color: #808080;">&laquo;Avanti baldi giovani e gentili fanciulle / salvate dalla rovina la squadra del cuore / e fate come dice il poeta: / versando tanti soldini / potete favorir l'emulazione accanita / di cervelli e di muscoli, / di agilit&agrave; e di forza&raquo;. </span></strong></em></p><p>L'intervento della ballerina <em>chanteuse</em> non &egrave; certo il trionfo dello spirito femminista che in questo momento anche in Sardegna inizia a scalpitare contro la visione della "donna fattrice di prole" auspicata dal Fascismo, ma centra il bersaglio al primo colpo. L'<em>annus horribilis</em> del Cagliari sembra terminato. Il tormento finanziario &eacute; fugato grazie alla raccolta di ben 300 mila lire, una cifra da capogiro, durante le performance di <em>Fogatzedda</em>, e ancora grazie alla <strong>promozione della squadra in serie B</strong>.</p><p><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/14/uid_15bf3cfbc12.450.0.jpg" alt="" width="250" align="left" data-didascalia="" data-credits="" />La citt&agrave; si riversa per tre giorni e tre notti lungo la via Roma, in una follia collettiva che festeggia sulle notte della fortunata "Abat-jour" di Anna Foguez. Non manca una tinta rosa a contribuire all'onirica mitologia dell'intrattenitrice, la tenera <em>liason</em>, vera o presunta, che la Foguez incoraggia con il beniamino del calcio isolano Salvatore Marcialis, noto col soprannome di <em><strong>Canciofa</strong></em> (carciofo), lasciandosi baciare appassionatamente sul palco dell'Eden Park tra il delirio del pubblico.</p><p><strong>La <em>starlette</em> in breve tempo passa da beniamina delle folle a pratico strumento di propaganda fascista.</strong> Il partito non disdegna l'impiego di figure popolari alla causa del proselitismo ed ecco Anna Foguez tornare a Cagliari nell'estate seguente. Cercando di non alterare la "ricetta" che le port&ograve; clamore e successo nell'isola, si limit&ograve; ad integrare i trionfalismi rossoblu, qua e l&agrave;, con quelli dovuti al duce: <br /><em><strong><span style="color: #808080;">&laquo;Adesso che al governo c'&eacute; Benito Mussolini / a fare il presidente con l'archetto e il violin / appena hanno sentito che sonate egli sa dar / ognuno ha gi&agrave; imparato a fox trottar. / E si vedon fox trottar pure le squadre che il Cagliari vuol domar&raquo;</span></strong></em>.</p><p>Fatta salva la parentesi politica, la Sardegna ricorder&agrave; sempre col sorriso e un filo di gratitudine la simpatica <em>soubrette</em> perspicace e situazionale.</p><p>&nbsp;</p><p style="text-align: right;"><span style="font-size: 12pt;">&copy;Riproduzione riservata</span></p><p style="text-align: right;">&nbsp;</p> NEWS storie di sport cagliari calcio spettacolo Tue, 09 May 2017 23:33:07 GMT http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7149/fogatzedda-la-donna-che-salvo-il-cagliari-calcio.html ilaria.muggianu.scano 2017-05-09T23:33:07Z Un piccolo gesto per un grande futuro: il tuo 5 x 1000 può aiutarci http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7144/un-piccolo-gesto-per-un-grande-futuro-il-tuo-5-x-1000-puo-aiutarci.html Lotta alla povertà e alle disuguaglianze di genere grazie alle associazioni umanitarie: il contributo fiscale di ognuno di noi può aiutare concretamente le popolazioni in difficoltà nel sud del mondo <p><strong>Il futuro, questo sconosciuto.</strong> Tanti, troppi bambini, nelle zone del mondo pi&ugrave; colpite dalle carestie e dalla fame, potrebbero non vedere realizzate le loro speranze di vita. In molti paesi, <strong>l&rsquo;infanzia &egrave; segnata da un crudele destino</strong> che mette a repentaglio anche il pi&ugrave; elementare dei bisogni. In simili condizioni di indigenza e di disuguaglianza, vengono negati: cibo, acqua, salute e istruzione. Elementi che fanno parte della nostra esistenza quotidiana e che riteniamo scontati. Non &egrave; cos&igrave; per i bambini delle popolazioni pi&ugrave; povere del mondo. Cosa si pu&ograve; fare per garantire loro il riconoscimento dei diritti fondamentali?</p><div style="text-align: left;"><p>Il <strong>5 x 1000</strong> &egrave; una delle strade percorribili per raggiungere questo importante traguardo. Si tratta di uno strumento di donazione a supporto delle organizzazioni non lucrative che si impegnano in attivit&agrave; socialmente rilevanti. Con un contributo, sotto forma di misura fiscale, &egrave; possibile sostenere Onlus, volontariato e ricerca. Un semplice gesto di generosit&agrave;, destinato per&ograve;, a cambiare il mondo.</p><p><strong>Cosa si pu&ograve; fare concretamente.&nbsp;</strong>Se decidete di devolvere il vostro contributo ad un&rsquo;associazione umanitaria, come <strong><a href="http://cinquepermille-actionaid.it/">ActionAid</a></strong>, potrete agire concretamente su diversi fronti:</p><p><strong>800 milioni di persone nel mondo soffrono la fame e 100 di loro sono bambini in condizioni di sottopeso.</strong> La vostra partecipazione si esplicher&agrave; nel supporto a campagne di sensibilizzazione a favore della redistribuzione delle risorse e contro la malnutrizione infantile.</p><p><strong>Malaria, HIV, tubercolosi.</strong> I numeri relativi ai decessi a causa di queste malattie, sono tristemente impietosi e indicativi di quanto ci sia ancora da fare. Come? Attraverso campagne di sensibilizzazione per l&rsquo;acquisto di vaccini e per garantire condizioni igienico-sanitarie adeguate.</p><p><strong>L&rsquo;analfabetismo &egrave; un fenomeno altrettanto preoccupante.</strong> Si stima che circa 750 milioni di adulti nel mondo, non sappiano n&eacute; leggere, n&eacute; scrivere. Ecco che sensibilizzare al tema istruzione, come diritto per tutti, si pu&ograve; rivelare cruciale per combattere anche le discriminazioni di genere, che vogliono le donne, anello debole della catena.</p><p>Una confezione di vaccini, un corso da ostetrica per una donna di una comunit&agrave; rurale, un capo di bestiame per una famiglia del sud del mondo o un fondo di microcredito. Questi sono solo alcuni esempi pratici del valore di una <strong>donazione del 5x1000</strong>. Quanto conta il vostro contributo? Tanto, e questo &egrave; quello che pu&ograve; riuscire a realizzare.</p><p><strong>Il tempo per donare.&nbsp;</strong>Il termine per la consegna del 730 &egrave; il 7 luglio 2017. Il modello Unico deve pervenire entro il 30 settembre 2017, se viene trasmesso all&rsquo;Agenzia delle Entrate via telematica o tramite intermediari autorizzati. C&rsquo;&egrave; tempo fino al 30 giugno 2017 per l&rsquo;invio in formato cartaceo presso l'Ufficio Postale. &Egrave; possibile donare il 5 x mille anche senza presentare la dichiarazione dei redditi.</p><p>&Egrave; tempo di donare. &Egrave; tempo di crescere, anche per i bambini meno fortunati, grazie al contributo di tutti.</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15bee51b1f1.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15bee51b1f1.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="clicca per ingrandire l'immagine" data-credits="" /></a></div></div><p>&nbsp;</p><p>&nbsp;</p><p>&nbsp;</p><p>&nbsp;</p> NEWS pubbliredazionale solidarietà actionaid Mon, 08 May 2017 21:54:22 GMT http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7144/un-piccolo-gesto-per-un-grande-futuro-il-tuo-5-x-1000-puo-aiutarci.html admin 2017-05-08T21:54:22Z La Peonia: il fiore delle streghe fra miti greci e leggende sarde http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7135/la-peonia-il-fiore-delle-streghe-fra-miti-greci-e-leggende-sarde.html Una pianta gradita agli Dei dell'antica Grecia, coltivata nel giardino dell'Olimpo e della maga Medea, dalle numerose proprietà e utilizzata, secondo credenze popolari, anche dalle streghe di Sardegna <p><strong>Una pianta bellissima, </strong>che sfiora la perfezione cui la rosa non pu&ograve; ambire, e dalle numerose propriet&agrave; officinali. Suscita diffidenza per&ograve;, perch&eacute; la tossicit&agrave; di alcune sue parti, mista alle <strong>superstizioni </strong>che la riguardano fin dall&rsquo;antichit&agrave;, ne fanno in Sardegna <strong>&ldquo;la rosa delle streghe&rdquo;</strong> (<em>Rosa de Coga,</em> ma anche <em>Unrga de Tsurrul&igrave;u</em>, cio&egrave; unghia di uccello rapace e altri nomi).</p><p><strong>&Egrave; la Peonia</strong>, che cos&igrave; spesso ricorre nei ricami dell&rsquo;artigianato, una pianta che predilige le <strong>aree montane dell&rsquo;isola</strong> &ndash;non a caso &egrave; detta anche <em>Arrosa de Monti.</em>&nbsp;Colora tra aprile e maggio, e solo per 20 giorni, le alture del Gennargentu, del Limbara e del Linas di fiori dai colori accesi, con sfumature che vanno dal rosa al rosso porpora intenso.</p><p><strong>Perfetta perch&eacute; a differenza della &ldquo;regina dei fiori&rdquo;, la rosa, non presenta spine. </strong>Ha una corolla regale e vistosa, semi piccoli, neri e lucenti, tanto che per il filosofo greco Eliano &egrave; la &ldquo;luce luminosa&rdquo;, come quella della luna. Ed ecco che molti nomi assunti dalla peonia richiamano il significato di <strong>luna</strong>, perch&eacute; gi&agrave; all&rsquo;epoca di Plinio il Vecchio veniva utilizzata come <strong>rimedio per gli epilettici, noti come &ldquo;lunatici&rdquo;.</strong></p><p><strong><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15be39fc9a0.450.0.jpg" alt="" width="250" align="left" data-didascalia="" data-credits="" />Anche nella medicina popolare sarda</strong> se ne conosceva la <strong>virt&ugrave; narcotica</strong>. Il decotto della pianta di Peonia veniva utilizzato come <strong>antisterico</strong>, mentre l&rsquo;infuso del fiore e della radice come <strong>cardiotonico</strong>. Peccato che durante la <strong>caccia alla streghe </strong>(XV-XIII Sec.), si diffuse la credenza che le <span style="text-decoration: underline;"><span style="color: #0000ff; text-decoration: underline;"><strong><a style="color: #0000ff; text-decoration: underline;" href="http://www.ladonnasarda.it/magazine/approfondimento/5333/majarza-le-streghe-di-bidoni-e-le-bruxie-di-sardegna.html" target="_blank">kogas</a>&nbsp;</strong></span></span>(da &ldquo;coquere&rdquo; erbe medicamentose) utilizzassero fra i tanti ungenti proprio quello di Peonia, per alzarsi in volo o mettere in atto la metamorfosi.</p><p><strong>La superstizione vuole che le streghe ungessero di elisir di Peonia le ascelle e i piedi poco prima di mezzanotte</strong>, e che potessero raggiungere la casa della partoriente anche se distante, e trasformarsi per intrufolarsi in casa e uccidere il bambino.</p><p><strong>La rosa delle streghe</strong> deve le sue propriet&agrave; narcotiche alla presenza della peonina, un alcaloide che allevia la tosse, l&rsquo;ansia e lo stress, ma la pianta pu&ograve; anche <strong>uccidere</strong> se ingerita in quantit&agrave; eccessive. In tal caso pu&ograve; dare luogo a nausea, dolori addominali e <strong>pu&ograve; provocare l&rsquo;aborto</strong>, e forse da qui, una delle associazioni con <strong>le streghe, dedite all&rsquo;assassinio dei neonati.</strong></p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15be39fb518.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15be39fb518.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="" data-credits="" /></a></div><p>&nbsp;</p><p>La Peonia &egrave; anche annoverata fra le <strong>piante velenose coltivate nel</strong> <strong>giardino di Medea</strong> (maga della mitologica greca). Eppure la letteratura &egrave; ricca di riferimenti positivi alla Peonia. Le citazioni nei libri antichi risalgono a 2.000 anni fa.</p><p>Gi&agrave; il suo nome, derivante dal greco<strong> &ldquo;paionia&rdquo; significa &ldquo;pianta che risana&rdquo;</strong>, ed &egrave; legato all&rsquo;episodio dell&rsquo;Iliade in cui Peone, medico degli Dei, cura Plutone ferito da Ercole. Secondo la mitologia greca Asclepio, maestro di Peone, tent&ograve; di assassinarlo per invidia, e per salvarlo il Re degli Dei Zeus lo trasform&ograve; nella pianta che porta il suo nome.</p><p><strong>Le leggende legate alla Peonia non finiscono qui.</strong> Secondo un&rsquo;altra credenza <strong>la pianta nacque nel luogo in cui la Dea Diana vers&ograve; le sue lacrime</strong> dopo aver ucciso per errore il suo amato Orione. Negli scritti di Ermete Trismegisto la Peonia &egrave; detta <strong>&ldquo;pianta consacrata&rdquo;</strong>, e la consacrazione avveniva legando al fiore un filo di seta grezza, un pezzo di pelle di foca e proseguendo secondo rituali magici.</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15be39fbd89.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15be39fbd89.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="" data-credits="" /></a></div><p>Tornando al suo <strong>uso esoterico</strong>, sempre negli scritti greci, talvolta l<strong>a Peonia viene chiamata &ldquo;Aglaophotis&rdquo;, con riferimento al liquido rosso</strong> ottenuto dalla sua lavorazione, capace di proteggere e di <strong>allontanare i demoni</strong>, ma non bisognava coglierne la radice a mani nude, di giorno, <strong>pena la morte immediata</strong> (lo scrive Eliano).</p><p><strong>Fra propriet&agrave; benefiche e oscure credenze, la Peonia &egrave; diventata simbolo della Sardegna</strong> dagli anni &rsquo;90, ed &egrave; purtroppo a <strong>rischio di estinzione.</strong> E&rsquo; stata infatti inserita nella lista dell&rsquo;Unione Nazionale per la Conservazione della Natura e va preservata, ammirata e non raccolta. E poi, perch&eacute; recidere tanta bellezza?</p><p>&nbsp;</p><p style="text-align: right;"><span style="font-size: 12pt;">&copy;Riproduzione riservata</span></p><p style="text-align: right;">&nbsp;</p> NEWS piante di sardegna stregoneria Wed, 03 May 2017 09:28:48 GMT http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7135/la-peonia-il-fiore-delle-streghe-fra-miti-greci-e-leggende-sarde.html admin 2017-05-03T09:28:48Z Le Puppie di Angela: "Mi chiamo Cartacarbone" http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7133/le-puppie-di-angela-mi-chiamo-cartacarbone.html Questa è una "rubrichetta" per un pomeriggio di gioco e creatività. Bastano un foglio di carta, della carta velina, una carota e un po' di tempera <p>Che bel giocattolo la bambola, da pettinare, vestire, cullare. La bambola ti fa giocare da signora imitando la mamma. Io sono la figlia della mia mamma, la bambola faccio finta che sia la mia figlia.&nbsp;Poi un giorno la fantasia ha creato una serie di bamboline che ho chiamato "<em>Puppie</em>" (il nome l&rsquo;ho preso in prestito dal vocabolario sardo-logodurese e non casualmente).&nbsp;</p><p>Le mie <em>Puppie</em> prendono forma dai colori, dai materiali (verdure, frutta, carta, sughero, pasta, fili di cotone, pelle, soffice montone, carta riciclata, involucri dei biscotti... ). &Egrave; una storia di gioco e di libert&agrave;, nel momento in cui ne crei il viso, il corpo, il vestito e quindi la loro personalit&agrave;.</p><p>Questa&nbsp;&egrave; una &ldquo;rubrichetta&rdquo; giocosa in cui l&rsquo;immagine, ogni volta diversa, di una puppia &egrave; legata a una filastrocca che tocca un luogo o una tradizione della Sardegna. Un semplice gioco, da fare insieme.</p><p>&nbsp;</p><p style="text-align: center;"><strong>Mi chiamo Cartacarbone</strong></p><p style="text-align: center;">Mondi sotterranei</p><p style="text-align: center;">villaggi operai.</p><p style="text-align: center;">Tutto &egrave; nero nelle cavit&agrave; minerarie</p><p style="text-align: center;">anche se l&igrave; sotto c&rsquo;&egrave; chi lavora senza sosta</p><p style="text-align: center;">come se ci fosse il sole che ad ogni manovra si sposta.</p><p style="text-align: center;">Arriva da sottoterra&nbsp; il materiale scuro</p><p style="text-align: center;">uno scacco dopo l&rsquo;altro: nero, lucido e duro.</p><p style="text-align: center;">Scorre il trenino sotto la galleria</p><p style="text-align: center;">per portare il carbone estratto via , via, via.</p><p style="text-align: center;">Mi viene voglia di toccare il carbone</p><p style="text-align: center;">lo prendo in mano e lo uso come un pantone.</p><p style="text-align: center;">Comincio a disegnare una chioma riccia e vaporosa</p><p style="text-align: center;">scura come la carbonella</p><p style="text-align: center;">e devo dire che &egrave; una pettinatura molto bella.</p><p style="text-align: center;">Poi le confeziono un vestito di colore nero</p><p style="text-align: center;">con davanti un fiocco grande e leggero.</p><p style="text-align: center;">Ora &egrave; pronta per uscire e viaggiare:</p><p style="text-align: center;">se ne va a Musua, Buggerru, Iglesias,</p><p style="text-align: center;">ai Musei di Pau e Porto Flavia e quando le chiedono,</p><p style="text-align: center;">quel&rsquo;&egrave; il tuo nome?</p><p style="text-align: center;">&ldquo;Cos&igrave; nera e con questo fioccone</p><p style="text-align: center;">sono una puppia di nome Cartacarbone&rdquo;.</p><p>&nbsp;</p><p>&nbsp;</p><div class="clip_details iris_divider--dark iris_divider-top iris_divider-top--m iris_divider-bot iris_divider-bot--m"><div class="iris_grid-content"><div><div class="clip_details-description description-wrapper iris_desc"><div class="iris_desc-content description-content" dir="auto"><p>(Il video &egrave; stato realizzato da Angela Latini grazie alla collaborazione di Erika Carloni)</p></div></div></div></div></div><div class="iris_comment-wrapper iris_grid-content">&nbsp;</div><p style="text-align: right;"><span style="font-size: 10pt;">&copy;Riproduzione riservata</span></p><p style="text-align: right;">&nbsp;</p><p style="text-align: right;">&nbsp;</p> NEWS fai da te bambini bambole Mon, 01 May 2017 11:23:13 GMT http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7133/le-puppie-di-angela-mi-chiamo-cartacarbone.html admin 2017-05-01T11:23:13Z La pietrificazione punitiva. Delitto e castigo nei silenzi dell'Isola http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7129/la-pietrificazione-punitiva-delitto-e-castigo-nei-silenzi-dell-isola.html I sette vizi capitali avevano una punizione univoca: la pietrificazione. La moneta che tutto pagava sanciva il riequilibrio della società e nel silenzio incorruttibile della pietra cassava il peccato <p>La Sardegna meno nota ai turisti, e a molti suoi abitanti, &egrave; nell'anima di pietra dell'isola. La faccia dolente di una terra che si nasconde nell'immaginario recondito del racconto orale, tra i silenzi degli altipiani dove andavano a nascondersi i castigati e reietti dalla comunit&agrave;, dove ostinati riuscivano a nascere i fiori anche tra le rocce e i ricordi degli anziani perseveravano resistenti come le radici.</p><p><strong>Colpa ed espiazione</strong> non sono appena la narrazione della migliore letteratura dell'isola, quella dell'Atene sarda del XIX secolo; il dolore del peccato era pacificato solo dallo sconto della penitenza terrena. <strong>Nasce cos&igrave; il mito sardo della pietrificazione punitiva</strong>. Peccare, contravvenire alle regole del creato era contro natura, chi trasgrediva tornava di forza a quella natura. Il cosmo nella sua essenza divina e regolatrice tramutava il peccatore in una parte di quella natura, quella pi&ugrave; inerme: il conto era cos&igrave; regolato.</p><p><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/14/uid_15be75944df.450.0.jpg" alt="" align="left" data-didascalia="" data-credits="" />L'isolamento sordo della solutitudine della pietra, condannata all'immobilit&agrave; eterna, era l'estremo giudizio su chi trascurava il sacro dovere de "<em>su peccau cuerr&agrave;u</em>", il peccato di cui si era dolenti, secondo il codice di comportamento. Ma non era solo l'uomo a cercare un equilibrio con la vendetta. <strong>Ci&ograve; che sfuggiva alla giustizia umana era controllato dagli astri, dal divino, dall'universo attraverso la magia</strong>.</p><p>La forma di pietrificazione che esercit&ograve; maggiore fascino sui viaggiatori dell'800, e di cui per primo scriver&agrave; Alberto Lamarmora in <em>Viaggio in Sardegna</em>, &egrave; quella di <em>Maria Coccorodd</em>i. La donna mentre impastava il pane non volle essere disturbata nemmeno dalla Madonna. Maria Coccoroddi neg&ograve; l'elemosina alla madre di Cristo e per la sua avidit&agrave; venne mutata nel <strong>Monte Caroddi, detto anche la Guglia</strong>, che sovrasta possente e solitario la regione ogliastrina.</p><p>L'isola si autoracconta, ancora, nella <strong>pietra del peccato di un contadino della Trexenta</strong>. Egli custodiva il suo mucchio di grano spagliato e nel vederlo un povero frate questuante gliene domand&ograve; una piccola quantit&agrave;. Il contadino glielo neg&ograve; con mala grazia. Il grano, luminoso e biondeggiante, al congedo del fraticello divenne la roccia che, ancora oggi simbolo di avarizia, &eacute; chiamata <em>Sa massa 'e su trigu (</em>il mucchio di grano).</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/14/uid_15be758e4eb.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/14/uid_15be758e4eb.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="" data-credits="" /></a></div><p><strong>Il potere pietrificante fugge di mano alle <em>Janas</em> trexentine</strong> che causano l'auto pietrificazione di un giovane pastorello. Il ragazzino assiste furtivamente al rituale di passaggio dal potere magico della jana madre alla figlia. Curioso e incauto, carpisce tutti i segreti della pietrificazione ma con imprudenza prende a pietrificare qualsiasi cosa attorno a s&eacute;, dagli uccelli al gregge, e infine anche se stesso.</p><p>La beffarda memoria orale tramanda anche di quel vescovo che giunto a Monti, in Gallura, si lament&ograve; di quella pieve cos&igrave; isolata per i suoi standard di agio e confort. Il santo titolare del santuario campestre segnal&ograve; il suo scarso entusiasmo per le spiacevoli esternazioni del prelato tramutando in pietra lui e tutti i chierici accondiscendenti al seguito.</p><p>Anche il betile preistorico chiamato <em>Pedra de Santu Antine</em> testimonia la sacralit&agrave; ancestrale legata al mito della pietrificazione. La pietra, una divinit&agrave; femminile in et&agrave; pagana situata nei pressi del santuario omonimo di Sedilo, si narra fosse il corpo di <strong>una donna macchiatasi di blasfem&iacute;a nei confronti di San Costantino</strong>. Nell'area rurale di Guasila una pietra zoomorfa &eacute;, secondo la tradizione, lo scheletro pietrificato del drago ucciso da San Giorgio con una spada d'oro.</p><p>Dell'antica e inquietante consuetuine della pietrificazione punitiva non ci restano che silenziosi testimoni di pietra, severe e suggestive sentinelle di un paesaggio senza tempo.</p><p>&nbsp;</p><p style="text-align: right;"><span style="font-size: 12pt;">&copy; Riproduzione riservata</span></p><p style="text-align: right;">&nbsp;</p> NEWS miti e leggende religione misteri Fri, 28 Apr 2017 23:43:17 GMT http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7129/la-pietrificazione-punitiva-delitto-e-castigo-nei-silenzi-dell-isola.html ilaria.muggianu.scano 2017-04-28T23:43:17Z S'Arantzada. Il gusto della tradizione fa il giro del mondo http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7128/s-arantzada-il-gusto-della-tradizione-fa-il-giro-del-mondo.html Grazie ad una testimonial d'eccezione, la Regina Margherita di Savoia, il gustoso dolce conquista presto il mondo che conta e ancora oggi allieta le tavole di tanti sardi <p>Custodire i fragranti fili elicoidali della scorza di <span style="text-decoration: underline; color: #0000ff;"><strong><a style="color: #0000ff; text-decoration: underline;" href="http://www.ladonnasarda.it/salute/5173/sa-pompia-il-frutto-brutto-ma-buono-dalle-origini-antiche.html" target="_blank">pomp&iacute;a</a></strong></span> e arancia era il gioco prediletto delle piccole nuoresi di fine Ottocento. Le piccole massaie nel tinello di casa, alla fine di ogni pasto, tenevano tra le mani, con cura liturgica, le scorze degli agrumi da impiegare durante i periodi festivi per il dolce tipico del capoluogo barbaricino.</p><p><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15bc5731d04.450.0.jpg" alt="" align="left" data-didascalia="" data-credits="" />Le scorze erano talvolta caramellate nella <em>forredda</em> piana della cucina e venivano chiamate "le caramelle dei poveri", perch&eacute; <strong>lo zucchero era un vero lusso</strong>. Pi&ugrave; spesso erano premurosamente conservate, giorno dopo giorno, e disposte in grande quantit&agrave; su una superficie piana sulla quale i biondi favi lacrimavano un miele artigianale, prezioso frutto dell'antico baratto nei confini del quartiere.&nbsp;La distesa di un vivo color ruggine degli ingredienti fumanti era intarsiata di truccioli di mandorle e successivamente tagliata in piccoli rombetti. Era cos&igrave; pronta la prelibatezza nuorese: <em><strong>S'Arantzada</strong></em>.</p><p><strong>Il brevetto originale nasce nel 1886</strong> dalla semplice quanto geniale intuizione della famiglia Guiso, pasticcera da generazioni, ma che le massaie nuoresi preparavano gi&agrave; in festose combriccole "<em>in bucca 'e jenna</em>" , sul limitare dell'ingresso di casa, come simbolica apertura alla condivisione comunitaria. Erano gli anni in cui<strong> Grazia Deledda</strong> faceva conoscere il temperamento verace e ruvido dei nuoresi, mentre la gustosa <em>arantzada</em> ne porgeva l'aspetto pi&ugrave; dolce con la stessa vasta diffusione.</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15bc5712780.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15bc5712780.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="" data-credits="" /></a></div><p>Dalla bottega dei Guiso in via Maiore (oggi via Garibali), <em>s'arantzada</em>, infatti, venne presto esposta a Cannes, Marsiglia e Parigi ottenendo in ogni citt&agrave; medaglie d'oro per l'arte pasticcera e diplomi d'onore. L'intraprendente famiglia di pasticceri, in quegli sgoccioli del Diciannovesimo secolo, compresero l'importanza della pubblicit&agrave; sulla stampa, e non solo su quella locale, ma ancor pi&ugrave; diedero adeguato risalto ad <strong>una <em>testimonial</em> d'eccezione, la regina Margherita di Savoia</strong>.</p><p><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15bb55a4f1d.450.0.jpg" alt="" width="245" height="358" align="left" data-didascalia="Margherita di Savoia" data-credits="" />La sovrana faceva grosse scorte del pasticcino sardo per consumarlo a corte con i suoi ospiti durante il the delle cinque. Guiso chiese ed ottenne dalla regina di poter realizzare le confezioni del dolce, in eleganti scatole di latta, con impressa la scritta "<strong>Fornitore della Real casa"</strong>, con l'uso dello stemma dei Savoia. I risultati in termini di cospicue e prestigiose ordinazioni non tardarono ad arrivare.</p><p>A tutt'oggi <strong>quaranta mila pezzi di arantzada alla settimana</strong> partono da Nuoro solcando mari e cieli per raggiungere catene di bar e rinomate pasticcerie del Regno Unito. Un' idea semplice e vincente che profuma di terra sarda e ricorda che in tempi grami pu&ograve; nascere la speranza dal saper fare delle mani di Sardegna.</p><p>&nbsp;</p><p>&nbsp;</p><p style="text-align: right;"><span style="font-size: 12pt;">&copy;Riproduzione riservata</span></p><p style="text-align: right;"><span style="font-size: 12pt;">&nbsp;</span></p> NEWS tradizioni ricette cucina cucina tipica dolci Fri, 28 Apr 2017 15:50:15 GMT http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7128/s-arantzada-il-gusto-della-tradizione-fa-il-giro-del-mondo.html ilaria.muggianu.scano 2017-04-28T15:50:15Z Su Ballu Tundu. La donna, il sacro, il sangue http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7125/su-ballu-tundu-la-donna-il-sacro-il-sangue.html Sono le Sacerdotesse di Diana ad aver dato origine a Su Ballu tundu che oggi allieta le serate danzanti delle comunità sarde. Il passaggio dal ballo pagano a quello attuale ha subìto numerose fasi <p><strong>All'epoca delle piramidi di Cheope in Sardegna si danzava gi&agrave;<em> su Ballu tundu</em></strong>. La prima testimonianza del ballo sardo si deduce dal rinvenimento del frammento di una scodella carenata in cui &egrave; rappresentata una scena di danza in cui le ballerine sono quattro donne.</p><p>La documentazione della danza femminile di 2500 anni fa &egrave;&nbsp;oggi custodita a Sassari presso il Museo Sanna, nella sala dedicata al <span style="text-decoration: underline;"><strong><span style="color: #0000ff;"><a style="color: #0000ff; text-decoration: underline;" href="http://www.ladonnasarda.it/blogger/6199/un-itinerario-per-scoprire-porto-torres-2-parte.html" target="_blank">Monte d'Accoddi</a></span></strong></span>. Quella che invece &egrave;&nbsp;considerata attendibile testimonianza della pratica de <em>su ballu tundu,</em> durante l'ultima fase dell'epoca giudicale, &egrave;&nbsp;il bellissimo architrave del gioiello romanico del Guilcer, la chiesa di San Pietro di Zuri.</p><p>Era attraverso questo ballo che venivano scanditi i ritmi delle comunit&agrave; arcaiche: matrimoni, battesimi, feste campestri, solennit&agrave; e festa del Patrono, vendemmie e canevale. Durante il '700 - et&agrave; in cui sbocci&ograve; il mito romantico del viaggio in Sardegna da parte dei pi&ugrave; grandi intellettuali europei e certo italiani - un aspetto che colp&igrave; numerosi viaggiatori fu l'importanza sociale attribuita al ballo. Era eseguito con compostezza del corpo e solennit&agrave; nel portamento, tanto da evidenziare come degno di nota<strong> il fenomeno de <em>sa tzeracch&iacute;a</em></strong>, cio&egrave; l'atto di garantire la partecipazione certa di un suonatore pagando anche con anticipo di un anno.</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15bc4017681.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15bc4017681.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="" data-credits="" /></a></div><p>&laquo;Niente eguaglia la gravit&agrave; con cui i sardi fanno questo ballo, si direbbe spesso che non ci prendono gusto alcuno, invece &eacute; il contrario perch&eacute; in tutti i villaggi del campidano di Cagliari i giovani si quotavano per pagare un suonatore della domenica&raquo;, racconta Alberto Lamarmora.</p><p>Molti tra i viaggiatori letterati sono concordi nell'osservare una costante de Su ballu tundu: <strong>le donne mantengono il capo chino</strong> fino al termine della danza. Gli stessi intellettuali attribuivano questa consuetudine alla comune origine cultuale de <em>su ballu tundu</em> con le <strong>solenni danze rituali </strong>eseguite con rigore ieratico dalle sacerdotesse sarde della dea Diana. A conferma di questa ipotesi &eacute; sufficinte ricordare la testimonianza del 1550 di Sigismondo Arquer che nel pamphlet <em>Sardiniae brevis historia et descriptio</em>&nbsp;si documenta che i balli considerati riti sacri si svolgessero davanti all'altare. Si trattava di un tentativo ideale di traslazione del rituale pagano su quello cristiano, cos&igrave; come rappresentato dal rinvenimento nei pressi di Tharros, di un cippo in arenaria intorno al quale danzano tre donne nude.</p><p><strong>La danza delle tre fanciulle rimanda con evidenza alla sacralit&agrave; propiziatoria della fertilit&agrave;</strong>. Sul finire del '700 il ballo in Chiesa sar&agrave; definitivamente proibito e permesso solo sul sagrato, ben presto per&ograve; prender&agrave; la via della piazza. Abbandoner&agrave; dunque la nobile funzione sacra per abbracciare l'espressione festosa del solo lato folcloristico. L'epurazione delle manifestazoni della religiosit&agrave; pagana dai luoghi di culto non fu graduale, men che meno pacifica. <strong>L'espulsione del ballo</strong> avvenne attraverso l'intervento continuo e integrato di autorit&agrave; ecclesiastiche e pregoni civili. Durante l'esecuzione de ballu tundu, assimilato dai viaggiatori stranieri alla grazia elegante del<em> Sirtak</em>i greco, non era consentito trasgredire le regole. Chi lo faceva pagava con la vita.</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15bc401948d.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15bc401948d.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="Prima documentazione Ballo sardo - Museo Sanna, Sassari" data-credits="" /></a></div><p>Gli informatori di ogni paese sono concordi nell'affermare che queste norme venissero rigorosamente rispettate. Lo conferma anche la studiosa <span style="text-decoration: underline;"><span style="color: #0000ff;"><strong><a style="color: #0000ff; text-decoration: underline;" href="http://www.ladonnasarda.it/magazine/chi-siamo/5227/dolores-turchi-racconta-la-donna-sarda.html" target="_blank">Dolores Turchi</a></strong></span></span>: &laquo;Era d'obbligo entrare sempre alla sinistra di un uomo o alla destra di una donna, in modo da non separare mai la donna che il ballerino teneva alla sua destra, perch&eacute; era quella che aveva scelto entrando nel cerchio. <strong>Tale separazione era considerata una grande offesa e si pagava col sangue. Questa regola era comune a tutti i paesi della Sardegna&raquo;</strong>&nbsp;</p><p><strong>Chi dava dunque inizio alle danze?</strong> Tutta l'isola sembra concorde nella memoria della cultura musicale: <strong>era la donna ad aprire le danze</strong>. Il privilegio femminile di cominciare il ballo &eacute; testimoniato con certezza nel 1600 dal sinistro episodio del santuario campestre di Nostra Signora de <em>Sos Desamparados</em> (degli Abbandonati), sulla cima del monte Manasuddas di Oliena. Da conuetudine giuridica i banditi all'interno delle chiese godevano di una certa immunit&agrave;, non avevano dunque alcuna riserva nel partecipare a festeggiamenti che si protraevano fino a tarda notte. Un brigante, secondo le cronache dell'epoca &laquo;interruppe la danza che le donne avevano appena cominciato&raquo;, afferr&ograve; la mano di una ragazza che si ritrasse e rifiut&ograve; l'invito al ballo. <strong>Ne deriv&ograve; un triste episodio di vendetta</strong>.&nbsp;Nei casi pi&ugrave; pacifici la donna che rifiutava l'invito, generando imbarazzo nel gruppo festoso, doveva evitare di ballare per il resto della serata, per dissimulare il senso di insofferenza verso quel cavalire in particolare.</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15bc4092cf9.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15bc4092cf9.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia=" Il ballo sardo o tondo col canto nel piazzale della chiesa - ph sardegnadigitallibrary.it" data-credits="" /></a></div><p><strong>Gli equilibri connessi a faccende d'onore</strong>, gi&agrave; delicati all'interno della comunit&agrave;, erano particolarmente esposti in questi frangenti in cui - ieri come oggi - il rifiuto di una ragazza suonava come l'onore leso ad un intero clan. Anche <strong>Grazia Deledda</strong>, in <em>Canne al vento</em>, riporta significative informazioni sull'usanza del ballo sardo. Questa volta il santuario &eacute; quello di N. S. del Rimedio di Orosei: &laquo;Gi&agrave; alcune donne s'eran decise a riunirsi attorno al suonatore, porgendosi la mano per cominciare il ballo. I bottoni dei loro corsetti scintillavano al fuoco, le loro ombre s'incrociavano sul terreno grigastro. Lentamente si disposero in fila con le mani intrecciate e sollevavano i piedi accennando i primi passi della danza&raquo;. Ci&ograve; che ad un occhio esterno pu&ograve; sembrare il suggestivo accordarsi di un rito tribale, allo sguardo di un indigeno &egrave;&nbsp;nient'altro che dolce aria familiare dai mille ricordi. Ma la suggestione ipnotica &eacute; fatta salva.</p><p>&nbsp;</p><p style="text-align: right;"><span style="font-size: 12pt;">&copy;Riproduzione riservata</span></p><p style="text-align: right;">&nbsp;</p> NEWS tradizioni antropologia religione Thu, 27 Apr 2017 23:20:58 GMT http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7125/su-ballu-tundu-la-donna-il-sacro-il-sangue.html ilaria.muggianu.scano 2017-04-27T23:20:58Z Omosessualità in Sardegna: il supporto è firmato M.O.S. http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7124/omosessualita-in-sardegna-il-supporto-e-firmato-m-o-s.html L'omosessualità in Sardegna è ancora tabù? La firma di numerosi progessi è del Movimento Omosessuale Sardo, associazione di supporto e informazione: parola della Presidentessa Barbara Tetti <p><strong>Secondo l'ultimo rapporto Istat disponibile</strong>, risalente al 2012, la popolazione omosessuale &ldquo;dichiarata&rdquo; nel nostro Paese ammonta a circa 1 milione di persone. Non esistono dati aggiornati, ma secondo la Presidentessa del Movimento Omosessuale Sardo, <strong>migliaia di gay, lesbiche e transgender vivono in Sardegna. </strong></p><p><strong>In che modo la comunit&agrave; etero si relaziona con loro?</strong> &Egrave; cambiato qualcosa negli ultimi anni? Ecco le risposte e i principali canali di supporto per chi ne &egrave; alla ricerca.</p><p>Le statistiche oltre fornire &ldquo;numeri&rdquo; fanno luce su una&nbsp;<strong>contraddizione </strong>tutta italiana: se il 59% degli intervistati accetta l&rsquo;esistenza di una <strong>relazione amorosa fra gay o lesbiche</strong>, un buon 41% ritiene che le <strong>preferenze sessuali</strong> debbano manifestarsi solo fra le mura domestiche, tollerati i luoghi pubblici, purch&eacute; gli omosessuali non rivestano ruoli di <strong>insegnante scolastico</strong> ad esempio (il 41,4% degli intervistati la pensa in questo modo. Il 28% ritiene inaccettabile che un omosessuale possa diventare medico, e il 24,8% che possa operare in politica).</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15bc595ce6e.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15bc595ce6e.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="" data-credits="" /></a></div><p>Il pensiero degli italiani, nonostante la tolleranza espressa dai dati, riflette un timore:<strong> la sensazione di un pericolo imminente rappresentato dagli omosessuali</strong>, che possono in qualche modo, rivestendo ruoli a contatto con il pubblico &ndash; con i bambini e gli adolescenti in particolare modo&nbsp;<strong>-, influenzare, o meglio &ldquo;deviare&rdquo;</strong> dai canoni tipici di affettivit&agrave; e sessualit&agrave;, dalla concezione di famiglia tradizionale.</p><p><strong>Quanto alla Sardegna</strong> non esistono dati ufficiali e attuali, ma se la popolazione omosessuale mondiale oscilla fra il 5 e il 10%, <strong>le lesbiche e i gay sardi sono migliaia</strong>, ipotizza Barbara Tetti, Presidentessa del M.O.S. (Movimento Omosessuale Sardo).</p><p><strong>Il M.O.S. ha&nbsp;sede a Sassari</strong>, &egrave; nato nel 1992 come circolo locale Arcigay, un&rsquo;associazione mista con l&rsquo;obiettivo primario di <strong>tutelare e assistere le persone GLBT</strong> (acronimo che indica la collettivit&agrave; composta da gay, lesbiche, bisessuali e transgender), promuovere servizi come il telefono amico e di<strong><a href="http://www.ladonnasarda.it/magazine/approfondimento/5015/aids-il-male-dimenticato-dal-nuovo-millennio.html" target="_blank"> informazione sull&rsquo;AIDS</a></strong>, fornire consulenza e supporto psicologico e legale.</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15bc595c3b2.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15bc595c3b2.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="Barbara Tetti ph. mosinforma.org" data-credits="" /></a></div><p><strong>La Presidentessa Barbara Tetti ha 52 anni</strong>, nativa di Bonorva, e dirige&nbsp;il M.O.S. dal 2012, un ruolo che ricopre con onore districandosi fra gli impegni lavorativi da impiegata commerciale, e gli allenamenti della squadra di pallamano femminile di cui &egrave; tecnica orgogliosa "La mia squadra ha vinto la fase regionale e va verso i playoff per la promozione in A1".</p><p>Afferma Barbara, che il livello di <strong>accettazione degli omosessuali in Sardegna</strong> &egrave; cresciuto negli ultimi 25 anni. Ricorda che <strong>negli anni &rsquo;90</strong>, durante le campagne portate avanti da M.O.S. nell&rsquo;isola, <strong>agli omosessuali hanno tirato pietre</strong>, e i manifestanti&nbsp;sono riusciti ad uscire dai Paesi in cui si svolgevano le manifestazioni solo scortati dai Carabinieri.&nbsp;Secondo la Presidentessa, specie nelle grandi citt&agrave; (Cagliari e Sassari)<strong> sono stati fatti passi da gigante</strong>&nbsp;mentre in alcuni comuni dell&rsquo;entroterra la piena accettazione &egrave; ancora un sentimento labile.</p><p>Barbara vive con gioia il suo ruolo quando si ottengono risultati concreti, quando il <strong>Servizio di Counselling</strong>, svolto da persone che hanno conseguito una formazione per l&rsquo;ascolto e fulcro dell&rsquo;attivit&agrave; del M.O.S, aiuta le persone ad accettarsi per quel che si &egrave;, a fare il famoso<strong> &ldquo;coming out&rdquo; con la famiglia</strong> e con gli amici.</p><p>&laquo;Tanto lavoro &ndash; precisa la Tetti &ndash; viene svolto anche dal Gruppo Scuola del M.O.S., invitato ormai con appuntamenti frequenti nelle scuole di tutta l&rsquo;isola a parlare con i ragazzi, a fornire chiarimenti sui <strong>temi dell&rsquo;omosessualit&agrave; e del bullisimo omofobico </strong>tramite il Programma M.O.S. &ldquo;Vivere la Differenza&rdquo;.&nbsp;Le ragazze - prosegue - sono pi&ugrave; predisposte ad ascoltare i delicati argomenti trattati durante gli incontri, ma anche da parte dei maschietti c&rsquo;&egrave; una buona risposta<em>&raquo;.</em></p><p>Tornando al tema dell&rsquo;accettazione, <strong>il fatto che la Sardegna sia la terra del matriarcato</strong> non pone differenze fra uomini e donne secondo Barbara.&nbsp;&laquo;Le donne lesbiche non vengono pi&ugrave; o meno accettate degli uomini per ragioni di matriarcato, <strong>forse l&rsquo;omosessualit&agrave; maschile &egrave; vista con pi&ugrave; diffidenza</strong>, ma peggio &egrave; la situazione nelle comunit&agrave; patriarcali&raquo;.</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15bc595b717.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15bc595b717.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="Barbara Tetti ph. mosinforma.org" data-credits="" /></a></div><p><strong>Barbara &egrave; lesbica,</strong>&nbsp;e al pari di molte persone assistite dal movimento che rappresenta, <strong>ha affrontato un percorso di vita difficile</strong>, partito non tanto dai contrasti nel farsi accettare dalla societ&agrave;, ma nell'accettare s&eacute; stessa.&nbsp;</p><p><strong>Attorno ai 20 anni ha avuto la prima &ldquo;cotta&rdquo; </strong>per una coetanea, una cotta adolescenziale mai rivelata, <strong>soffocata dalla paura</strong> di non conoscersi affondo&hellip;o di conoscersi troppo bene e mostrare la sua vera natura.&nbsp;Nel corso della sua vita &egrave; stata innamorata anche di maschi. <strong>Si &egrave; sposata con un uomo</strong>, e ha alle spalle un matrimonio nel quale ha creduto, ma confessa che fin da bambina sentiva che c&rsquo;era un&rsquo;altra in lei, e la metteva da parte, mentendo a s&eacute; stessa.</p><p>All&rsquo;et&agrave; di 40 anni ha dovuto fare i conti con le sue vere esigenze affettive, ha riconosciuto il suo essere lesbica, e una volta accettato il riflesso nello specchio ha affrontato&nbsp;la sua famiglia, rivendicandosi, ma prima di farlo, anche lei ha avuto bisogno di supporto psicologico.</p><p>Alle persone che non sono riuscite ancora ad accettarsi, Barbara consiglia di cercare dentro di s&eacute; la risposta, perch&eacute; non &egrave; bello vivere fingendo. &laquo;Noi omosessuali &ndash;dice- siamo naturali cos&igrave;, il nostro amore &egrave; fatto cos&igrave; e non va represso. Reprimerlo &egrave; la cosa pi&ugrave; brutta e sbagliata che si possa fare nei confronti della propria anima: ricordiamo che c&rsquo;&egrave; chi &egrave; in grado di ascoltare e di supportare&raquo;.</p><p><strong>L&rsquo;11 marzo 2017 il Movimento Omosessuale Sardo ha festeggiato 25 anni di attivit&agrave;</strong>, anni di lotte politiche, di attivit&agrave; artistiche e culturali. Il prossimo appuntamento &egrave; <strong>al Sardegna Pride, che si terr&agrave; a Sassari il prossimo 8 luglio</strong>. Il logo sono due pavoncelle che si baciano su un cuore, e la dicitura &ldquo;Scopri il tuo Orgoglio&rdquo;, che &egrave; molto pi&ugrave; di un semplice invito&hellip;&egrave; un incitazione al coraggio, al rivelarsi agli altri e a liberare s&eacute; stessi.</p><p>&nbsp;</p><p style="text-align: right;"><span style="font-size: 12pt;">&copy;Riproduzione riservata</span></p><p style="text-align: right;">&nbsp;</p><p>&nbsp;</p> NEWS omosessualità progetti eventi Thu, 27 Apr 2017 20:32:28 GMT http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7124/omosessualita-in-sardegna-il-supporto-e-firmato-m-o-s.html admin 2017-04-27T20:32:28Z Le donne della Valle della Luna: diario di viaggio a Capo Testa http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7110/le-donne-della-valle-della-luna-diario-di-viaggio-a-capo-testa.html Le donne della Valle della Luna vivono in libertà, fra le rocce e i sentieri di Capo Testa. Chi sono i famosi e le famose hippies? Per scoprirlo basta viverci un giorno e per una notte. <p>I gradini naturali che portano alla&nbsp;<strong>Valle della Luna</strong> <strong>(Capo Testa, Santa Teresa di Gallura) </strong>sono una&nbsp;perfetta metafora della vita. Da questo luogo incantato si sale e si scende, ci si aggrappa, a fatica, ci si stupisce e ci si innamora.</p><p>La prima persona che ho incontrato in Valle &egrave; stata&nbsp;Gyn, una ragazza originaria delle Marche che lavora in paese e che frequenta Capo Testa da tempo. &Egrave; stata lei a consigliarmi di venire qui qualche giorno: se volevo scrivere un articolo avrei dovuto viverlo, un posto come questo.&nbsp;Cos&igrave;, con lo zaino in spalla e la tenda, io e la mia amica Valeria ci siamo avventurate, sicure di conoscere la famosa comunit&agrave; hippie di cui si vocifera,<strong> le donne e gli uomini che vivono nelle grotte</strong>.</p><p>Non appena arrivate per&ograve;, abbiamo intuito che nessuna intervista sarebbe stata possibile, tantomeno foto in posa, perch&eacute; alla parola "giornalista" tutti i presenti, sdraiati al sole o all'ombra del grande albero della prima spiaggia, si sono pietrificati.&nbsp;</p><p><em>"E ora </em>&ndash;abbiamo pensato-<em> che si fa?&nbsp;Sediamoci con loro e vediamo che succede".</em></p><p>A pochi passi dal&nbsp;<strong>totem colorato</strong> che troneggia al centro della cala, conosciamo <strong>Ermelinda e Mary Isabelle</strong>: le sorelle diverse.</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b91508260.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b91508260.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="ph. Valeria La Terra" data-credits="" /></a></div><p>Mary Isabelle &egrave; molto loquace e ci racconta che un tempo lavorava il cuoio, ma ora, qui in valle, ha deciso di dedicarsi alla realizzazione di borse, zaini e marsupi in gomma riciclata di biciclette. Ermelinda invece si occupa di affreschi e restauri ad Aglientu. <strong>Entrambe figlie, probabilmente, dei veri hippies di un tempo</strong>, hanno conosciuto questo posto grazie ai loro genitori, che ce le portavano fin da piccole.</p><p>Dopo un'occhiata alle creazioni di Mary Isabelle, tutte bellissime, iniziamo a chiacchierare con &ldquo;Aquila&rdquo;, un uomo dagli immancabili dreadlocks. Ha superato i 50 anni (ma non li dimostra) ed &egrave; lui l&rsquo;unica persona assieme a Peter (un tedesco accompagnato dalla fedele cagnetta Frida)&nbsp;a trascorrere anche l&rsquo;inverno nelle grotte: ci spiegano che basta un buon piumone... sar&agrave; vero?</p><p><strong>&ldquo;Aquila&rdquo; ci chiarisce un po&rsquo; di cose sulla fantomatica comunit&agrave; hippies.&nbsp;</strong>Non esiste una vera collettivit&agrave; organizzata, forse era cos&igrave; una volta. La Valle ora &egrave; abitata da persone singole, ciascuna con la propria storia, che vengono qui anche solo per pochi mesi, o per qualche giorno a ritrovare i vecchi amici. Le persone arrivano, si fanno un giro, scelgono&nbsp;la grotta pi&ugrave; confortevole e si arrangiano, proprio come lui.</p><p>La Valle della Luna &egrave; un punto di incontro, anzi, per &nbsp;&ldquo;Aquila&rdquo; rappresenta la felicit&agrave;, perch&eacute;&nbsp;<strong><em>&ldquo;Felicit&agrave; &egrave; il luogo dove scegli di vivere, &egrave; amare quello che fai e circondarti di persone che ti fanno stare bene&rdquo;</em></strong>, ci suggerisce. Una visione delle cose da tenere a mente.</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b9150cc59.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b9150cc59.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="Percorsi per arrivare alle grotte - ph. Valeria La Terra" data-credits="" /></a></div><p>Di questo punto di incontro ne sapremo di pi&ugrave; quando cala il sole, e vediamo&nbsp;<strong>le donne della Valle fare su e gi&ugrave; per le rocce con i bonghi, le chitarre</strong>, per raggiungere la terza spiaggia, dove si cena tutti attorno al fuoco.</p><p>Fra le tende nascoste dietro ai cespugli c&rsquo;&egrave; una bella grotta, attrezzatissima: Mary Isabelle &egrave; molto concentrata e cucina pasta per tutti, gli altri invece, si scambiano idee e opinioni sul Mondo, si raccontano l&rsquo;un l&rsquo;altro, comprese noi.&nbsp;Ci addormentiamo nella nostra tenda, con il sottofondo delle onde del mare, e ci risvegliamo con il canto dei gabbiani. Mettendo la testa fuori <strong>ci sentivamo gi&agrave; parte della Valle</strong>, assieme a quelle persone.</p><p>Come raccomanda <strong>Marco</strong> per&ograve;, un imprenditore romano con un curioso cappello alla Crocodile Dundee: <em>&ldquo;Guai a sentirsi padroni della Valle</em><em>. La Valle della Luna non appartiene a nessuno, e guai a sentirsene proprietari&rdquo;</em>.&nbsp;Sembra un monito: credo volesse dire che <strong>la Valle della Luna &egrave; un po&rsquo; come una persona, bisogna rispettarne la libert&agrave;.&nbsp;</strong></p><p>Ci incontriamo tutti il mattino di nuovo alla prima spiaggia, dove conosciamo una bella coppietta:&nbsp;Cindy e Davide.&nbsp;<strong>Loro</strong> <strong>si sono innamorati proprio alla Valle della Luna</strong>, un po&rsquo; di anni fa, e ci tornano spesso con i loro <strong>tre bambini</strong> dai nomi carinissimi: <strong>Man&ugrave;, Sirio e Giano</strong>, che come spiega Cindy deriva da <em>janas</em> ma anche da Giano stesso: una delle divinit&agrave; pi&ugrave; antiche della religione romana e latina.</p><p>&Egrave; curioso vedere <strong>Cindy</strong> che <strong>fa giocare i bimbi in libert&agrave;</strong>, che li lascia rotolare nella sabbia senza irritarsi troppo, senza pronunciare quelle frasi strane che ogni tanto dicono le mamme tipo: &ldquo;Grida piano per favore&rdquo; oppure &ldquo;Corri ma non sudare&rdquo;.&nbsp;Cindy ci confida che se ci fosse la <strong>lavatrice</strong>, lei nella Valle ci si trasferirebbe per sempre. D&rsquo;altronde con il suo compagno, attore di teatro, hanno vissuto un po&rsquo; ovunque, dalla Corsica a Sadali.&nbsp;Poi per&ograve; ci ripensa. &ldquo;Troppo difficile fare su e gi&ugrave;, devo portare i bambini a scuola!&rdquo;. Vero.&nbsp;</p><p>Li lasciamo tutti un po&rsquo; a malincuore, con la promessa di tornare presto a trovarli.</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b9150ddee.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b9150ddee.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="ph. Valeria La Terra" data-credits="" /></a></div><p>Per un giorno ci siamo sentire <strong>donne della Valle Luna anche noi</strong>, e questa cosa la porteremo sempre come un bel bagaglio. Una sola notte nella Valle pu&ograve; cambiarti la vita. <strong>A noi personalmente, ha cambiato la visione del Mondo.</strong></p><p>&nbsp;</p><p style="text-align: right;"><span style="font-size: 10pt;">&copy;Riproduzione riservata</span></p><p>&nbsp;</p><p>&nbsp;</p><p>&nbsp;</p> NEWS diario viaggi santa teresa di gallura turismo Thu, 20 Apr 2017 11:39:06 GMT http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7110/le-donne-della-valle-della-luna-diario-di-viaggio-a-capo-testa.html admin 2017-04-20T11:39:06Z La magia salvifica e distruttiva del sale http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7107/la-magia-salvifica-e-distruttiva-del-sale.html Per le genti del popolo erano gli elementi di uso comune ad essere investiti di un potere straordinario capace di mutare il corso degli eventi <p style="text-align: justify;">Fino ad un passato non affatto remoto, in Sardegna le puerpere usavano avvolgere i propri bimbi nelle fasce&nbsp;senza trascurare di inserire tre chicchi di sale tra esse, nella ferma convinzione di trovare sicura protezione contro il <span style="text-decoration: underline;"><strong><span style="color: #0000ff; text-decoration: underline;"><a style="color: #0000ff; text-decoration: underline;" href="http://www.ladonnasarda.it/magazine/approfondimento/4766/terapie-magiche-in-sardegna-un-fenomeno-senza-tempo.html" target="_blank">malocchio</a>.</span></strong></span>&nbsp;Nell&rsquo;isola era forte, infatti, il legame con&nbsp;le propriet&agrave; benefiche del cibo, garante di vita e buona&nbsp;salute, dunque benedetto.</p><p style="text-align: justify;">Tra i prodotti della dispensa ce n&rsquo;era uno a cui era attribuito un <strong>potere&nbsp;fortemente magico</strong>, il sale appunto, probabilmente per il grande risalto che all&rsquo;elemento veniva&nbsp;dato nel contesto delle scritture sacre.&nbsp;<strong>Una manciata di sale non doveva assolutamente mancare</strong> tra i doni che tradizionalmente si&nbsp;portavano agli sposi alla vigilia delle nozze. Era segno di buon augurio e le rispettive famiglie&nbsp;degli sposi avevano cura di restituire una quantit&agrave; di sale equivalente almeno ad una tazzina di&nbsp;caff&egrave;, a dimostrazione del buon gradimento del presente.&nbsp;<strong>In alcuni paesi l&rsquo;usanza sopravvive tutt&rsquo;ora.</strong></p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/14/uid_15ba168680f.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/14/uid_15ba168680f.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="" data-credits="" /></a></div><p style="text-align: justify;">Medesima pratica era prescritta in occasione del ricevimento de <em>sa mandada.&nbsp;</em>Essa consisteva nel&nbsp;dono in natura che si usava tra comari e paesani in ottimi rapporti di vicinato: poteva consistere nel&nbsp;dono di pesca o selvaggina appena cacciata o di una parte dell&rsquo;animale macellato in casa.&nbsp;Era radicata convinzione, inoltre, che il sale catalizzasse le benedizioni durante i periodi forti della&nbsp;liturgia cattolica. Si pensi che era frequente seppellire una sacchetto di sale ai piedi dell&rsquo;altarino di&nbsp;quartiere approntato per il passaggio del Corpus Domini, unica processione precettata dalla Chiesa.<br />Al passaggio del corpo di Cristo tra <em>sa ramadura</em> di petali e fronde aromatiche, il sacchetto veniva&nbsp;disseppellito ed impiegato come talismano.<br />Non manca tutt&rsquo;oggi chi ritiene un grave presagio di sventura rovesciare del sale, in terra sarda,&nbsp;infatti &egrave; ben noto che il potere apotropaico degli elementi della natura non goda di un potere&nbsp;univoco di segno positivo.</p><p style="text-align: justify;">Era d&rsquo;uso frequente spargere del sale sull&rsquo;ingresso della casa dove si&nbsp;riteneva abitasse una <span style="text-decoration: underline;"><span style="color: #0000ff;"><strong><a style="color: #0000ff; text-decoration: underline;" href="http://www.ladonnasarda.it/cose-belle/6008/sisinnia-coga-disprezzabile-quanto-la-sinagoga.html" target="_blank">coga</a></strong></span></span>. Talvolta infatti si poteva soltanto nutrire il sospetto che una donna<br />fosse la terribile strega della notte ma in base ad un&rsquo;illazione non era possibile compiere alcun&nbsp;intervento di allontanamento. Se la donna sospettata dalla comunit&agrave; avesse avuto, effettivamente,&nbsp;l&rsquo;identit&agrave; di una coga allora sarebbe stato impossibile per lei varcare l&rsquo;ingresso cosparso di sale, si&nbsp;sarebbe dissolta al primo contatto con il sale, non sarebbe tra l&rsquo;altro riuscita ad entrare neppure&nbsp;sotto le diurne spoglie umane.<br />Non solo, l&rsquo;impiego del sale aveva inoltre una funzione che concretizzava la volont&agrave; maledicente&nbsp;de <em>is frastimmus</em>. Le imprecazioni erano pronunciate prevalentemente dagli abitanti delle aree&nbsp;rurali, che sentendosi in condizione di impotenza davanti ad un&rsquo;ingiustizia, invocavano sciagure e&nbsp;cattiva sorte ai danni del nemico. Il lancio del sale corrispondeva all&rsquo;invocazione degli spiriti del&nbsp;male affinch&eacute; intervenissero con azioni nefaste sulla salute del nemico e tutto il suo parentado o&nbsp;sul raccolto, causandone la rovina permanente.</p><p style="text-align: justify;">&nbsp;</p><p style="text-align: right;"><span style="font-size: 10pt;">&copy;Riproduzione riservata</span>&nbsp;</p><p style="text-align: justify;">&nbsp;</p> NEWS miti e leggende magia Mon, 17 Apr 2017 22:24:19 GMT http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7107/la-magia-salvifica-e-distruttiva-del-sale.html ilaria.muggianu.scano 2017-04-17T22:24:19Z Relazionarsi ai tempi dell'amore 2.0 http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7101/relazionarsi-ai-tempi-dell-amore-2-0.html In molti si sono resi conto di questa pericolosa e desolante situazione: si passa molto più tempo a cercare l'anima gemella attraverso un freddo dispositivo elettronico piuttosto che cercarlo dal vivo <p>In un&rsquo;era in cui il corteggiamento parte prima dai social network <span style="text-decoration: underline;"><strong><a href="http://www.ladonnasarda.it/succede-che/6286/corteggiamento-su-facebook-riflessioni-di-una-single-2-0.html">con Facebook in prima linea</a></strong></span>, avere la possibilit&agrave; di conoscere qualcuno dal vivo sembra quasi una possibilit&agrave; molto rara. Si sta tutti a capo chino a guardare il display di uno smartphone quando si &egrave; sul tram o in qualsiasi altro posto pubblico e cos&igrave; ci si lascia sfuggire qualsiasi tipo di interazione con altre persone. In queste circostanze ci si lascia sfuggire qualsiasi possibilit&agrave; di poter costruire un qualche tipo di comunicazione anche solo visiva. Si &egrave; pi&ugrave; impegnati a controllare gli aggiornamenti degli &ldquo;amici&rdquo; piuttosto che dare la possibilit&agrave; al genere umano di crescere stabilendo nuove amicizie.</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b80677b2a.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b80677b2a.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="" data-credits="" /></a></div><p>In molti si sono resi conto di questa <strong>pericolosa e desolante situazione</strong>: tra siti di incontri specializzati e app di dating, si passa molto pi&ugrave; tempo a cercare la propria anima gemella attraverso un freddo dispositivo elettronico piuttosto che cercarlo dal vivo relazionandosi davvero con altre persone tangibili e reali. Il rischio di restare ore ed ore davanti ad uno schermo sfogliando profili uno dopo l&rsquo;altro &egrave; praticamente dietro l&rsquo;angolo e a conti fatti, riuscire ad avere un vero appuntamento diventa davvero molto difficile (soprattutto per gli uomini che, tradizione vuole, siano pi&ugrave; cacciatori delle donne).</p><p>In questo deserto di relazioni umane, cosa si pu&ograve; fare per cambiare le carte in tavola? Ecco qualche mio personale consiglio sui posti da frequentare per conoscere nuove persone con cui parlare guardandosi in faccia senza che ci sia un cellulare a fare da intermediario.</p><p>Un buon inizio potrebbe essere un circolo, non un circolo per anziani &egrave; ovvio. Piuttosto un club che abbia lo scopo di riunire sotto un tetto tutte <strong>persone con lo stesso hobby</strong>. Nelle piccole citt&agrave; diventa pi&ugrave; difficile trovare un club adatto, quindi in caso perch&eacute; non fondare un proprio club? Una simpatica idea potrebbe essere quella di creare un club per cuoche e cuochi provetti. Il comune potrebbe anche dare una mano a trovare la giusta e gratuita location. Baster&agrave; poi il passaparola degli amici per cominciare a racimolare un buon numero di persone.</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b8067703a.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b8067703a.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="" data-credits="" /></a></div><p>In alternativa<strong>, la cara e vecchia biblioteca</strong> comunale pu&ograve; essere una valida occasione per fare nuove amicizie. Lo stesso vale per qualche caf&egrave; filosofico in cui sedersi per leggere un buon libro sorseggiando un t&egrave; caldo. Frequentando questi posti periodicamente si conoscono tante persone, ci vuole comunque pazienza e dedizione per la lettura.</p><p>In diverse citt&agrave; d&rsquo;Italia poi, ma non in tutte, <strong>esiste lo speed date</strong>. A Milano spopola ad esempio <span style="color: #0000ff;"><strong><span style="text-decoration: underline;"><a style="color: #0000ff; text-decoration: underline;" href="http://www.speeddatemilano.it/">speeddatemilano.it</a></span> </strong></span>che in base al calendario eventi pubblicato sul sito organizza speed date ogni 3 settimane facendo incontrare cos&igrave; ogni anno circa 1200 persone. A conti fatti si tratta quasi di un&rsquo;agenzia matrimoniale che oggi appare pi&ugrave; inflazionata che mai.A dispetto di ogni aspettativa, gli stessi giovani preferiscono partecipare ad uno speed date perch&eacute; decisamente per nulla formale e perch&eacute; si svolge in un ambiente che permette subito di trovarsi a proprio agio; si tratta infatti di normalissimi locali aperti al pubblico come ristoranti e pub. In effetti, anche se lo scopo &egrave; quello di far conoscere molte persone tutte insieme, la forma &egrave; completamente diversa da quella di una classica agenzia matrimoniale e alla fine di tutto &egrave; il giocatore a decidere con chi vedersi in seguito. Il gran numero di partecipanti che solitamente frequenta serate speed date e la natura stessa di questo gioco fanno s&igrave; che si crei un ambiente socievole in cui tutti sono gi&agrave; predisposti a conoscersi.</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b8067735d.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b8067735d.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="" data-credits="" /></a></div><p>Se ti piace ballare, perch&eacute; non prendere in seria considerazione <strong>il caro e vecchio ballo latino americano</strong>? Si tratta di un classico intramontabile che tra l&rsquo;altro negli ultimi anni ha preso sempre pi&ugrave; piede. Non &egrave; raro infatti vedere nuove coppie formarsi proprio all&rsquo;interno di questi corsi di ballo.</p><p>Il mio spassionato consiglio finale &egrave; di lasciare qualche volta il cellulare a casa e di aprirsi di pi&ugrave; al mondo alzando lo sguardo verso chi ci ritroviamo di fronte. Non abbiate paura di guardare negli occhi chi vi piace&hellip; senza ovviamente sembrare degli stalker psicopatici!</p><p>&nbsp;</p><p>&nbsp;</p><p>&nbsp;</p> NEWS pubbliredazionale amore incontri speed date Thu, 13 Apr 2017 18:19:28 GMT http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7101/relazionarsi-ai-tempi-dell-amore-2-0.html admin 2017-04-13T18:19:28Z Musica, teatro, arte e cultura: quando vivere per passione si può http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7098/musica-teatro-arte-e-cultura-quando-vivere-per-passione-si-puo.html Collaborare per formarsi e crescere nel mondo del teatro, musica e arte: l'associazione "Tra Parola e Musica - Casa di Suoni e Racconti" cerca nuovi partecipanti. E lancia un crowdfunding <p>Nascere con la passione nell&rsquo;animo si pu&ograve;, e non c&rsquo;&egrave; niente di pi&ugrave; bello e significativo per la propria vita che poter vivere e lavorare attraverso quella linfa vitale che scorre dentro. <strong>L&rsquo;associazione culturale &ldquo;Tra Parola e Musica - Casa di Suoni e Racconti&rdquo;</strong>&nbsp;lo fa dal 2015. Nasce grazie a un gruppo di persone, motivate e competenti, che condividevano un sogno di vita comune: <strong>occuparsi a tempo pieno di musica, teatro e cultura. </strong>Il sogno si &egrave; avverato. Oggi &egrave; arrivato il momento di crescere.&nbsp;</p><p>L&rsquo;associazione, nata in seno al percorso artistico del chitarrista e compositore <span style="text-decoration: underline;"><span style="color: #0000ff;"><strong><a style="color: #0000ff; text-decoration: underline;" href="http://www.ladonnasarda.it/succede-che/5784/rivivere-il-significante-della-storia-in-scena-donne-e-uomini-banditi.html" target="_blank">Andrea Congia</a></strong></span></span>, &egrave; formata da <strong>uno staff organizzativo tutto al femminile</strong>: tre ragazze unite per crescere e portare avanti un progetto. Insieme a loro, nel tempo, confluiscono professionisti del teatro, della musica e in generale del mondo dello spettacolo e dell&rsquo;arte, organizzatori e operatori culturali, tecnici della scena, del suono, delle luci e del video, comunicatori, addetti stampa, fotografi, grafici ed esperti web.</p><p>Le ragazze si chiamano <strong>Giulia Virdis</strong>, 30enne cagliaritana laureata in storia dell&rsquo;arte, <strong>Silvia Cei</strong>, 34enne di Oristano e una laurea in beni culturali, e <strong>Carla Erriu</strong>, nata 34 anni fa a Selegas, in Trexenta, la prima a iniziare la collaborazione nel 2009 con Andrea Congia. Attraverso le loro parole andremo a scoprire il passato, il presente e futuro dell&rsquo;associazione.</p><p>&laquo;Questi primi due anni &ndash; racconta Giulia &ndash; ci sono serviti per porre le fondamenta e rodare i ruoli e compiti attraverso le nostre competenze. Ma ora &egrave; giunto il momento di raccogliere i frutti!&raquo;. Un 2017 quindi che segni la consacrazione per l&rsquo;associazione che in questi anni si &egrave; impegnata seriamente nella realizzazione di progetti culturali di ampio respiro nell&rsquo;atto del perseguire innovazione, multidisciplinariet&agrave; e interazione, coinvolgendo realt&agrave; artistiche e organizzative operanti nel settore e presenti in Sardegna, Italia ed Europa.</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/25/uid_15b66fd9f22.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/25/uid_15b66fd9f22.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="Le ragazze al lavoro" data-credits="" /></a></div><p>&laquo;<strong>Abbiamo davvero tantissimi progetti</strong> in corso e altrettanti da organizzare, continua Carla. <strong>Ora quello che ci serve sono collaboratori</strong>. Persone che vogliano operare insieme a noi a vari livelli, provenienti da qualunque percorso formativo ma con l&rsquo;unico comune denominatore della passione per il teatro, l&rsquo;arte e la diffusione della cultura. Qui con noi potranno seguire le varie attivit&agrave; sulla base dei propri interessi e inclinazioni con <strong>un fine principalmente formativo</strong>&raquo;. &laquo;Ognuna di noi all&rsquo;interno dell&rsquo;associazione ha dei ruoli definiti ma il lavoro viene svolto in assoluta sintonia e multidisciplinariet -, prosegue Silvia -. Io ad esempio (Silvia &egrave; il presidente, ndr) opero nell&rsquo;ambito tecnico, un mondo a me completamente nuovo ma con cui mi sto confrontando e grazie al quale ho imparato tanto; Giulia si occupa della direzione comunicativa e dei rapporti con la stampa e il mondo web, mentre Carla, che &egrave; anche la segretaria, gestisce l&rsquo;amministrazione, la burocrazia, la contabilit&agrave;, i rapporti con gli Enti&raquo;. La progettazione artistica &egrave; nelle mani di Andrea, promotore primo di ogni attivit&agrave; e progetto dell&rsquo;associazione.</p><p><strong>L&rsquo;appello per la ricerca di nuovi collaboratori</strong> va di pari passo con l&rsquo;attivazione di un <em>crowdfunding</em> (raccolta fondi) online: &laquo;Sar&agrave; attivo a breve e servir&agrave; per aiutarci a finanziare &ldquo;Tra le Musiche&rdquo; - spiega Giulia - il progetto artistico annuale, di grande respiro e che ci impegner&agrave; tantissimo. &Egrave; la prima volta che ci avviciniamo a questa modalit&agrave; di ricerca fondi e speriamo che possa servirci&raquo;.</p><p>&ldquo;Tra le Musiche&rdquo; &egrave; un grosso e ambizioso progetto che si articola in tre diverse manifestazioni: <em>Significante</em> (gi&agrave; esistente da ben 10 anni, ideata da Andrea Congia; partir&agrave; il 22 aprile da Ales e seguir&agrave; con 10 appuntamenti a Cagliari, 4 ad Oristano e altri durante l&rsquo;anno nel resto d&rsquo;Italia); <em>Sinestesie</em> (cineconcerti previsti per ottobre e novembre presso il centro culturale Intrepidi Monelli di Cagliari, dedicati il primo al cinema espressionista tedesco, il secondo al cinema Dada e surrealista e il terzo al cinema delle origini); <em>Ucronie</em> (Festival delle Musiche dei Mondi, in programma per l&rsquo;estate. Un festival nuovissimo e originale dove le musiche composte sono pensate per mondi che non esistono, per isole immaginarie e salvifiche). Tutto questo sar&agrave; presentato ufficialmente durante la conferenza stampa prevista per gioved&igrave; 20 aprile alle 10:30 presso lo Spazio Santa Croce, in via Santa Croce 47/49, nel quartiere storico di Castello, a Cagliari.</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/25/uid_15b66fd9a96.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/25/uid_15b66fd9a96.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="Giulia, Silvia e Carla" data-credits="" /></a></div><p>E non finisce qui, perch&eacute; l&rsquo;associazione durante l&rsquo;anno ha messo in piedi tante e varie proposte culturali: dal carnevale tradizionale cagliaritano alla sagra del pesce di Giorgino, da collaborazioni per la realizzazione di videoclip musicali al cortometraggio <span style="text-decoration: underline;"><span style="color: #0000ff; text-decoration: underline;"><strong><a style="color: #0000ff; text-decoration: underline;" href="http://www.ladonnasarda.it/succede-che/6821/dieci-giorni-per-un-film-la-sfida-di-death-before-love.html">Death Before Love</a></strong></span>.</span> Insomma gli ambiti, le intuizioni e i progetti sono davvero tanti e di vario genere: non sar&agrave; difficile, per chi volesse collaborare ed entrare in questo mondo, dove, si ricordi, la parola d&rsquo;ordine &egrave; il continuo imparare, formarsi e confrontarsi con innumerevoli professionisti del settore, trovare il proprio posto all&rsquo;interno dello staff.</p><p>Per info e contatti: cel: 345 3199602, mail: traparolaemusica@gmail.com, sito:<span style="text-decoration: underline;"> <a href="http://www.traparolaemusica.com/traparolaemusica/">traparolaemusica.com</a></span>, pagina FB: <span style="text-decoration: underline;"><a href="https://www.facebook.com/traparolaemusica" target="_blank">facebook.com/traparolaemusica</a>.</span></p><p>&nbsp;</p><p style="text-align: right;">&nbsp;<span style="font-size: 10pt;">&copy;Riproduzione riservata</span></p><p>&nbsp;</p> NEWS teatro musica cinema arte associazioni Thu, 13 Apr 2017 10:59:14 GMT http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7098/musica-teatro-arte-e-cultura-quando-vivere-per-passione-si-puo.html admin 2017-04-13T10:59:14Z Sas Orassionarjas e l'aura benefica dei bimbi illegittimi http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7092/sas-orassionarjas-e-l-aura-benefica-dei-bimbi-illegittimi.html Il destino di sacrificio dei figli privi di padre venne riabilitato socialmente da una donna che aveva in manomle sorti dell'intera comunità perché suo era il potere di salvare i nascituri del paese <p>Furono le antiche donne di preghiera del popolo, chiamate <strong><em>orassionarjas</em></strong>, a dare nuova dignit&agrave; sociale ai bimbi definiti dalla comunit&agrave; <em><strong>burdittos</strong></em>.</p><p><strong>I figli illegittimi</strong> per le donne delle orazioni - antiche sibille che curavano con la preghiera - <strong>avevano un potere divino</strong>. Erano considerati dalle anziane curandere come fortemente voluti da Dio, poich&eacute; arrivati sfidando la sorte di chi non li desiderava. Non &egrave; certo che vi sia stato un tempo in cui le <em>orassionarjas</em> avessero conoscenza del sacrificio del primogenito alla <span style="text-decoration: underline;"><strong><span style="color: #0000ff;"><a style="color: #0000ff; text-decoration: underline;" href="http://www.ladonnasarda.it/magazine/chi-siamo/4696/astarte-la-dea-dell-amore-e-il-suo-tempio-sulla-sella-del-diavolo.html" target="_blank">dea Astarte</a></span></strong></span>, anche se nell'isola sono numerosi i <em>tophet</em> cinerari di origine fenicio punica che testimoniano la pratica della prostituzione sacra finalizzata all'immolazione dei piccoli <em>burdos</em> primogeniti al volere della dea.</p><p><strong>La prostituzione sacra</strong> <strong>doveva garantire fecondit&agrave; e prosperit&agrave;</strong> a tutta la comunit&agrave;, era dunque imprescindibile per la societ&agrave; sarda pre cristiana. Nel lento passaggio dal rituale pagano a quello, ancora, semicristianizzato la figura che si fece carico di quest'onere fu la orassionarja. <strong>Era lei che custodiva il potere della preghiera magica</strong> che mettesse in relazione le richieste del popolo e le disposizioni della divinit&agrave;.</p><p><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/14/uid_15b8185b924.450.0.jpg" alt="" width="250" align="left" data-didascalia="Pietro Bellotti. Giovane donna con ancella" data-credits="" />Figura ibrida tra la sacerdotessa-prostituta sacra e la <em>bruxia</em>, l'<em>orassionarja</em> doveva farsi carico di un'incombenza che assumeva, per le istanze di una morale moderna, le tinte di un'ingiustizia sociale. Infatti, affinch&eacute; i medicamenti e le orazioni somministrati dalle guaritrici risultassero pienamente efficaci esse dovevano avere almeno un figlio, pur non essendo maritate. Il bimbo era, inevitabilmente non legittimo perch&eacute; un uomo per bene della comunit&agrave; non si sarebbe mai unito in matrimonio con una donna ritenuta di facili costumi, cos&igrave; come accadeva per le orassionarjas.</p><p><strong>Il destino di vergogna e l'onta dello sfruttamento</strong> non impedivano alla curatrice di rendere gratuitamente i propri servigi alla comunit&agrave;. Non tutte le giovani di facili costumi erano, tuttavia, abilitate a somministrare formule e guarigione, lo erano solo quelle alle quali era riconosciuto un certo rapporto di vicendevole affinit&agrave; e simpatia per le capre. Soltanto a costoro si riconosceva una grande efficacia delle orazioni magiche apprese. Probabilmente gli anziani del villaggio intuivano gi&agrave; all'epoca l'invulnerabilit&agrave; dell'animale a qualsiasi malattia. <strong>La capra &eacute; infatti l'unico essere vivente immune da <span style="text-decoration: underline;"><span style="color: #0000ff;"><a style="color: #0000ff; text-decoration: underline;" href="http://www.ladonnasarda.it/salute/5120/il-latte-di-capra-la-bevanda-dalle-mille-virtu.html" target="_blank">qualsiasi forma di tumore.</a></span></span></strong></p><p>Ancora oggi nel Campidano di Cagliari, la prostituta viene definita <em><strong>"craba de appitzu 'e monti"</strong></em>&nbsp;(capra di montagna) con la quale espressione &eacute; facile rievocare la prostituzione sacra che avveniva a Capo Sant'Elia, presso il leggendario tempio di Astarte. Le orassionarjas erano solite intervenire per alleviare i problemi della partoriente e per evitare che i bimbi morissero in parto.</p><p>Riporta l'antropologa <span style="text-decoration: underline;"><span style="color: #0000ff;"><strong><a style="color: #0000ff; text-decoration: underline;" href="http://www.ladonnasarda.it/magazine/chi-siamo/5227/dolores-turchi-racconta-la-donna-sarda.html" target="_blank">Dolores Turchi</a></strong></span></span>: &laquo;Una donna di Lula alla quale morivano i figli dopo qualche giorno di vita si rivolse a una vecchia orassionarja che le consigli&ograve; di chiedere in prestito <em><strong>sa 'estedda 'e su burdu</strong> </em>(il camicino di un bimbo bastardo) e di farla indossare al suo bimbo appena fosse nato. In questa maniera riusc&igrave; a salvare gli ultimi tre figli. Indossare il camicino o la cuffietta d'un bimbo bastardo era come mettere indosso al bimbo in pericolo un talismano&raquo;. Forse l'idea di un bimbo non previsto era legato all'idea di sacralit&agrave; perch&eacute; frutto di un desiderio non trattenuto e perci&ograve; stesso fecondo.</p><p style="text-align: right;">&nbsp;</p><p style="text-align: right;"><span style="font-size: 12pt;">&copy;Riproduzione riservata</span></p> NEWS tradizioni antropologia religione Tue, 11 Apr 2017 20:26:25 GMT http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7092/sas-orassionarjas-e-l-aura-benefica-dei-bimbi-illegittimi.html ilaria.muggianu.scano 2017-04-11T20:26:25Z Tziarùa: l'arte di indossare grafiche vintage e slang cagliaritano http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7081/tziarua-l-arte-di-indossare-grafiche-vintage-e-slang-cagliaritano.html Hanno fatto dello slang cagliaritano un brand di successo, unendo espressioni popolari veicolate dal dialetto del sud Sardegna con grafiche vintage. La storia delle creative dietro al marchio Tziarùa <p>Hanno fatto di una felice intuizione un&rsquo;attivit&agrave; che, fin da subito, &egrave; andata a gonfie vele: sono quattro ragazze cagliaritane che, forti ognuna della propria personalit&agrave; e competenza, con tenacia e originalit&agrave;,<strong> hanno creato il brand Tziar&ugrave;a</strong>.</p><p>Il marchio, nato nel 2013 quasi come un gioco, ha avuto un successo immediato: l&rsquo;idea delle creative ha alla base un concetto semplice ma al tempo stesso ricercato, quello di unire un messaggio ironico veicolato dallo slang popolare cagliaritano a una grafica prevalentemente di gusto anni &lsquo;50-&lsquo;60. Unisci a questo la voglia di <strong>fare qualcosa di interessante e nuovo per la propria citt&agrave;</strong> e il successo &egrave; presto fatto.</p><p><strong>Ecco chi sono:</strong> <strong>Simona</strong>, sommelier di professione, all&rsquo;interno di Tziar&ugrave;a si occupa della gestione e del coordinamento; <strong>Barbara</strong>, che collabora con uno studio di consulenza del lavoro nella vita, nell&rsquo;attivit&agrave; del brand gestisce il rapporto coi clienti sul territorio; <strong>Roberta L</strong>., proprietaria del negozio &ldquo;Lei Via Orlando&rdquo; (dove tra l&rsquo;altro si possono acquistare le T-shirt) ed esperta di media e design; <strong>Roberta S</strong>., imprenditrice e per il marchio impegnata costantemente nella ricerca delle espressioni idiomatiche da inserire nelle maglie. Un team al femminile dove ognuna di loro ha un ruolo ben preciso grazie al quale l&rsquo;avventura di Tziar&ugrave;a, iniziata come una scommessa &egrave; diventata una solida realt&agrave;.</p><div style="text-align: center;"><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/25/uid_15b491414ca.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/25/uid_15b491414ca.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="Simona, Barbara, Roberta L., Roberta S." data-credits="" /></a></div></div><p><strong>Ironizzare, divertire, strappare un sorriso</strong>, far sognare ma anche riflettere: Tziar&ugrave;a &egrave; una vera e propria operazione artistica. Non si pensi a semplici T-shirt con scritta e immagine dedicata al territorio: se la base di partenza &egrave; una maglia bianca o nera, la ricerca per la sua creazione &egrave; tutt&rsquo;altro che improvvisata. Sullo sfondo di espressioni come <em>T&rsquo;Arrori</em>, <em>Laghe non &egrave; diaicci</em> o <em>Bairindi</em>, o di localit&agrave; come Pirri o Marina Piccola si troveranno, ironicamente accostate e con un&rsquo;opera riflettuta di astrazione, immagini di colorati fumetti o grafiche vintage. L&agrave; dove l&rsquo;omaggio alla propria terra &egrave; dato proprio dall&rsquo;unione innovativa, che non ci si aspetta e di grande gusto estetico di stampa e parole creata dalle ragazze.</p><p><strong><span style="text-decoration: underline;"><span style="color: #0000ff;"><a style="color: #0000ff; text-decoration: underline;" href="http://www.tziarua.com/" target="_blank">Tziar&ugrave;a</a></span></span> &egrave; un marchio che piace</strong> e piace sempre pi&ugrave; ma non &egrave; per tutti: chi indossa una maglia del brand lo fa per un motivo ben preciso, che pu&ograve; essere estetico, per il semplice piacere di portare addosso un bel prodotto con una bella grafica, ma anche e soprattutto per il messaggio che contengono. Lo slang pop(olare) <em>casteddaio</em> (cagliaritano) &egrave; fortemente colorito e chi decide di acquistare e indossare una T-shirt Tziar&ugrave;a lo fa sempre con grande orgoglio: quello di parlare della propria terra e attraverso un linguaggio familiare, quotidiano e ad alto tasso di ironia.</p><div style="text-align: center;"><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/25/uid_15b49141020.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/25/uid_15b49141020.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="" data-credits="" /></a></div></div><p>Tziar&ugrave;a oltre alle T-shirt crea tazze, quaderni, tovagliette all&rsquo;americana e quadri (al momento esposti a Cagliari presso il ristorante Fork, il caff&egrave; De Candia e la bottega Sapori di Sardegna). Le magliette si possono acquistare da Lei Via Orlando (in via Orlando,14 a Cagliari) e sul sito<span style="color: #0000ff;"><span style="text-decoration: underline;"><strong> <a style="color: #0000ff; text-decoration: underline;" href="http://www.tziarua.com/" target="_blank">tziarua.com</a></strong></span>.</span> Per info &egrave; disponibile anche la pagina Facebook <span style="color: #0000ff;"><strong><a style="color: #0000ff;" href="https://www.facebook.com/tziarua.magliette/" target="_blank">Tziar&ugrave;a Magliette</a></strong></span>.</p><p>&nbsp;</p><p>&nbsp;</p><p>&nbsp;</p> NEWS pubbliredazionale abbigliamento creatività cagliari Fri, 07 Apr 2017 08:51:29 GMT http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7081/tziarua-l-arte-di-indossare-grafiche-vintage-e-slang-cagliaritano.html admin 2017-04-07T08:51:29Z Ravioli di Trexenta: bontà di Pasqua al ripieno di ricotta e arancia http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7075/ravioli-di-trexenta-bonta-di-pasqua-al-ripieno-di-ricotta-e-arancia.html Sono una tipologia di ravioli poco conosciuta ma di un gusto tutto particolare: si tratta di ravioli tipici della Trexenta, prelibatezza antica di generazioni nella ricetta della cuoca Annalisa Atzeni <p>I ravioli li conosciamo tutti e in Sardegna sono uno dei Primi pi&ugrave; gustati e diffusi: da quelli ripieni di formaggio o ricotta e spinaci e bietole agli ogliastrini culurgiones con patate. Il panorama della pietanza nell&rsquo;isola ha davvero tante sfaccettature, ognuna diversa a seconda del territorio di provenienza. C&rsquo;&egrave; per&ograve; una tipologia di raviolo ben poco nota e che &egrave; tradizione di Trexenta: si tratta di quelli ripieni alla ricotta e scorza di arancia, con un pizzico di zucchero.</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/25/uid_15b3d8f59f3.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/25/uid_15b3d8f59f3.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="" data-credits="" /></a></div><p><strong>Una ricetta, come tradizione vuole</strong>, tramandata di generazioni e che ci viene raccontata e spiegata dalla appassionata cuoca esperta in cucina tradizionale sarda <span style="text-decoration: underline;"><strong><a href="http://www.ladonnasarda.it/cucina-storie/chef/6448/annalisa-atzeni-la-cuoca-delle-ricette-antiche.html">Annalisa Atzeni</a></strong></span>. &laquo;Era una ricetta di famiglia che preparavo con mia mamma e ancor prima con la nonna. La genialit&agrave; delle pietanze che vengono tramandate oralmente &egrave; che di generazione in generazione mutano sempre perch&eacute; relegate all&rsquo;oralit&agrave;. Il ripieno che utilizzeremo per questi ravioli ha lo stesso tipo di preparazione di quello per le pardule e gli arrubiolus ma in questo caso si tratta di un primo piatto e quindi di una pietanza salata&raquo;.</p><p><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/25/uid_15b3d8f58a0.450.0.jpg" alt="" align="left" data-didascalia="Un momento della preparazione dell'interno" data-credits="" />Quando la disponibilit&agrave; degli ingredienti non era quella cui siamo abituati oggi, nelle famiglie si dedicavano, in prossimit&agrave; delle feste, giornate intere alla preparazione dei piatti che poi sarebbero stati serviti durante, ad esempio, la Pasqua. E i ravioli trexentesi rappresentano proprio uno di questi Primi che, una volta preparati, il venerd&igrave; e il sabato santo, venivano condivisi e scambiati tra parenti e vicini di casa.</p><p><strong>Ingredienti</strong> (per 26 ravioli):<br /><em>per la pasta</em>: 300 grammi di semola fine di grano duro, mezzo cucchiaino di sale, 2 uova, 100 ml di acqua tiepida</p><p><em>per il ripieno</em>: 400 gr di ricotta caprina (nella preparazione delle foto Annalisa Atzeni ha si &egrave; utilizzato quella di San Niccol&ograve; Gerrei, di buon pascolo, delicata e ben asciutta), 2 uova, 1 pizzico di sale, 2 cucchiai di zucchero, 2 cucchiai di fiore sardo (farina di semola), la scorza di 1 arancia grattugiata, 1 mg di zafferano</p><p><strong>Preparazione</strong>: Si inizia con l&rsquo;impasto e si uniscono semola, sale, acqua e uova. La pasta non si deve lavorare tantissimo e successivamente la si deve far riposare almeno mezz&rsquo;ora dentro a un sacchetto.</p><p>In attesa che la pasta sia pronta si procede con la preparazione del ripieno: si unisce la ricotta schiacciata bene con le uova, il sale, lo zucchero, la farina, la scorza d&rsquo;arancia e lo zafferano. Si impasta a dovere e a questo punto si pu&ograve; decidere se mettere il ripieno dentro a una sac &agrave; poche o versarlo sulla pasta con un cucchiaino da th&egrave;.</p><p>A questo punto, passata la mezz&rsquo;ora in cui la pasta ha riposato, la si pu&ograve; stendere con l&rsquo;aiuto di un mattarello o di sfogliatrice (Annalisa Atzeni usa lo spessore 2). Preparate le sfoglie si mette il ripieno e le si tagliano, come vuole la tradizione, in grandi quadrati. Si toglie l&rsquo;aria con la mano e si richiude con un altro quadrato di pasta.</p><p>Mettere l&rsquo;acqua a bollire, versare i ravioli e togliere non appena vengono a galla, dopo 2/3 minuti.</p><p>Se non si deve cuocerli subito ma gustare il giorno dopo si devono tenere sopra a una tovaglia bianca di cotone in un luogo fresco avendo l&rsquo;accortezza di disporli sopra a un p&ograve; di semola (e in questo caso per il tempo di cottura va messo in conto qualche minuto in pi&ugrave;).</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/25/uid_15b3d91e58e.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/25/uid_15b3d91e58e.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="" data-credits="" /></a></div><p>Tradizionalmente si accompagnavano a un semplice sugo di pomodoro e basilico e si portavano in tavola all&rsquo;interno di grandi pirofile &ldquo;incasausu&rdquo;, e cio&egrave; impilati a strati di sugo e formaggio. Nelle foto la cuoca li ha spolverati con scorze d&rsquo;arancia e formaggio caprino.</p><p>&nbsp;</p><p style="text-align: right;"><span style="font-size: 12pt;">&copy;Riproduzione riservata</span></p><p style="text-align: right;">&nbsp;</p> NEWS cucina tradizioni pasqua ricette Wed, 05 Apr 2017 09:59:55 GMT http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7075/ravioli-di-trexenta-bonta-di-pasqua-al-ripieno-di-ricotta-e-arancia.html admin 2017-04-05T09:59:55Z Le chiese più belle per un matrimonio in Sardegna: guida alla scelta http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7072/le-chiese-piu-belle-per-un-matrimonio-in-sardegna-guida-alla-scelta.html Dove sposarsi, come scegliere? Le chiese più belle della Sardegna sono tante, ma qualunque sia il luogo l'importante è scambiarsi una promessa d'amore donato all'altro ogni giorno, incondizionatamente <p>Tanto per le donne quanto per gli uomini&nbsp;<strong>il matrimonio &egrave; un giorno da ricordare</strong> perch&eacute; celebra l&rsquo;inizio della vera vita di coppia, anche se oggi convivere prima di convolare a nozze &egrave; molto frequente.</p><p>Il matrimonio religioso &egrave; un giuramento davanti a Dio, indissolubile per chi ci crede veramente:<strong> un evento speciale durante il quale nulla pu&ograve; essere lasciato al caso</strong>. Tutto per&ograve; parte dall&rsquo;organizzazione, in particolare dalla <strong>scelta della chiesa.</strong></p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b539a4eea.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b539a4eea.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="Chiesa Santa Sabina Silanus - ph. Cristiano Cani " data-credits="" /></a></div><p><strong>Le chiese pi&ugrave; belle della Sardegna </strong>soddisfano&nbsp;i gusti di tutti, ma &egrave; molto in voga cercare una location che ben si sposi con il <em>leitmotiv</em> del matrimonio (lo stile, il tema, il filo conduttore), con gli allestimenti floreali e gli accessori dell&rsquo;abito da sposa.</p><p>Prima di iniziare un tour virtuale fra parrocchie, basiliche e cattedrali, vediamo <strong>cosa non bisogna mai dimenticare nella scelta della chiesa. </strong></p><p><strong>1.</strong> La vostra preferita potr&agrave; anche essere fra le <strong>chiese pi&ugrave; belle della Sardegna</strong>, ma se &egrave; troppo lontana dal luogo del ricevimento potrebbe essere la meno adatta. Immaginiamo un gruppo di invitati composto anche da anziani e bambini. Una giornata di sole cocente, percorrendo chilometri in auto o molti metri a piedi potrebbe rovinare la festa diventando estenuante.</p><p><strong>2.</strong>&nbsp;Bisogna verificare inoltre la <strong>capienza della chiesa</strong>: venti persone in pi&ugrave; potrebbero fare la differenza se non trovano posto a sedere. Ultimo ma non meno importante, &egrave; necessario informarsi su come <strong>prenotare la chiesa</strong> e quanto tempo prima, o si rischia di <strong>trovare lavori in corso, messe sospese</strong> o una lista d&rsquo;attesa che non permette di celebrare il matrimonio nella stagione desiderata.</p><p><strong>Le ragazze di Olbia</strong> che hanno ricevuto il battesimo o la comunione nella <strong>Basilica di San Simplicio,</strong>&nbsp;possono tornare per giurare amore eterno al proprio sposo fra le possenti mura in stile romanico-pisano e <strong>scendere la lunga scalinata con lo strascico</strong>: perfetta per le foto pi&ugrave; belle.</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b539fa006.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b539fa006.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="San Simplicio a Olbia - ph. Antonio Trogu " data-credits="" /></a></div><p><strong>Cagliari</strong> <strong>e la Basilica di Bonaria</strong> sono un&rsquo;accoppiata vincente per un matrimonio, tanto da essere scelte anche da chi non vive in citt&agrave; o in Sardegna, ma il capoluogo riserva anche<strong> altre fantastiche chiese, fra le pi&ugrave; belle della Sardegna</strong>.</p><p>Parliamo delle <strong>chiese di Sant&rsquo;Anna, di Sant&rsquo;Efisio</strong> <strong>e San Michele</strong>. La prima, tempio del barocco arricchito da un&rsquo;elegante scalinata d&rsquo;ingresso. La seconda &egrave; caratterizzata da un altare maggiore in marmi policromi e da <strong>preziosi lampadari</strong> che accompagnano la navate centrale (e gli sposi) mentre la terza, &egrave; degna di considerazione per il tocco di colore offerto da <strong>affreschi e dipinti.</strong></p><p><strong>A Iglesias</strong> le coppie possono farsi avvolgere dal fascino del gotico. Le <strong>chiese di San Francesco e Santa Chiara</strong> sono molto suggestive perch&eacute; le arcate realizzano una prospettiva strabiliante da parte del pubblico, specie nei momenti clou: l&rsquo;ingresso della sposa e l&rsquo; uscita degli sposi.</p><p>Nella diocesi <strong>di Nuoro</strong> la <strong>Cattedrale di Santa Maria della Neve</strong>&nbsp;&egrave; il principale luogo di culto della citt&agrave;, ma anche un punto d&rsquo;incontro facilmente raggiungibile dagli invitati, perch&eacute; sorge nell&rsquo;omonima piazza alle porte del Corso. La <strong>chiesa di Santa Sabina a Silanus</strong> invece &egrave; ricercata per la sua unicit&agrave; architettonica (la rotonda centrale) e per la vicinanza con l&rsquo;omonimo nuraghe immerso in un <strong>meraviglioso contesto campestre.</strong></p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b539df416.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b539df416.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="Santa Maria della Neve a Nuoro - ph. Sardegna Cultura" data-credits="" /></a></div><p>La facciata bianca e limpida della<strong> di San Giacomo Maggiore a</strong> <strong>Orosei</strong> rievoca la trasparenza della acque di questa zona. La scelta potrebbe essere giusta per chi vuole organizzare un matrimonio sule coste del Golfo, scegliendo un resort vista mare a pochi passi dalla chiesa.</p><p><strong>In Marmilla</strong>, ai piedi del Monte Arci, sorge <strong>la Cattedrale di Ales</strong>. &Egrave; la pi&ugrave; piccola sede vescovile in Italia, perfetta per le nozze di chi vive nei dintorni. In stile barocco e situata in posizione dominante rispetto al centro abitato, &egrave; incorniciata da maestosi campanili gemelli e presenta una scalinata che raggiunge la piazzetta antistante, dove per comodit&agrave; all&rsquo;occorrenza, si pu&ograve; organizzare il rifresco in un punto di ristoro.</p><p>Per un matrimonio <strong>fra le bellezze della Maddalena</strong> (preventivando gli spostamenti degli invitati) si pu&ograve; scegliere la <strong>parrocchia di Santa Maria</strong>, poco distante da Cala Gavetta, intrattenere i commensali con un buffet per spostarsi nella spiaggia del Relitto (Caprera) o in altre cale per scattare le foto pi&ugrave; belle.</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b539bfede.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b539bfede.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="Basilica Saccargia Codrongianos - ph. Nikifly75 " data-credits="" /></a></div><p><strong>Le pi&ugrave; belle chiese della Sardegna non finiscono qui</strong>, ma per fornire ulteriori spunti, basta citare la <strong>Cattedrale di Alghero e la chiesa di San Francesco, per un matrimonio dal sapore catalano</strong>. Immancabile poi &egrave; la <strong>Basilica di Santissima Trinit&agrave; di Saccargia</strong> (Codrongianos): immersa in una valle con ampissimi spazi esterni.</p><p>Poco distante si erge la <strong>Cattedrale di Sant&rsquo;Antioco di Bisarcio</strong> (Ozieri), una delle pi&ugrave; grandi chiese romaniche dell&rsquo;isola: conservata in modo splendido, sembra aver assorbito tutto lo <strong>charme delle rievocazioni medievali </strong>che ancora oggi si tengono in questa zona.</p><p><strong>Ad Oristano</strong> ci sono due opzioni meritevoli e molto diverse: la <strong>Cattedrale di Santa Maria Assunta</strong> in stile barocco e la <strong>Basilica di Santa Giusta</strong>, in stile romanico, ma qualunque chiesa si scelga, dovunque e comunque, <strong>l&rsquo;importante &egrave; scambiarsi una promessa d&rsquo;amore, di rispetto e di felicit&agrave;, donata all&rsquo;altro ogni giorno incondizionatamente.</strong></p><p>&nbsp;</p><p style="text-align: right;"><span style="font-size: 12pt;">&copy;Riproduzione riservata</span></p><p style="text-align: right;">&nbsp;</p> NEWS matrimonio nozze in sardegna chiese Mon, 03 Apr 2017 19:37:50 GMT http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7072/le-chiese-piu-belle-per-un-matrimonio-in-sardegna-guida-alla-scelta.html admin 2017-04-03T19:37:50Z Bollicine per tutti, dall'antipasto al dessert anche in Sardegna http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7070/bollicine-per-tutti-dall-antipasto-al-dessert-anche-in-sardegna.html Le bollicine hanno demolito il pregiudizio degli spumanti solo per momenti di festa e di celebrazione: le loro caratteristiche li rendono utilizzabili per l'abbinamento enogastronomico <p><strong>W le bollicine che piacciono e appassionano tutti</strong>, anche i pi&ugrave; scettici, non indifferenti alla continua scoperta di nuove sensazioni ed emozioni organolettiche che i vini "effervescenti" provocano fin dal primo sorso. E se vi fosse ancora qualche dubbio sul loro appeal per il palato, basta dare uno sguardo ai pi&ugrave; recenti dati ISTAT che confermano il loro grandissimo successo in tutto il mondo. Anche la Sardegna registra una crescita dei bianchi con oltre 375mila ettolitri prodotti lo scorso anno.&nbsp;</p><p>Nella <span style="color: #0000ff;"><strong><a style="color: #0000ff;" href="http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/6763/cantina-di-santadi-una-storia-fatta-di-territorio-uve-e-persone.html" target="_blank">Cantina di Santadi</a></strong></span>, per esempio, seppur i rossi non siano facili da spodestare, i vini bianchi continuano la loro affermazione in campo nazionale ed estero soprattutto grazie alla qualit&agrave; e al gusto del Villa Solais e del Cala Silente. Insomma, per il suo gusto fruttato e la piacevolezza al palato, il "prosecchino" sembra aver conquistato proprio tutti.</p><p><strong>Ma cosa intendiamo con questo piccolo vezzeggiativo?</strong> Ci si riferisce, in genere, a un&rsquo;ampia gamma di <strong>vini spumante</strong> caratterizzati da media/bassa complessit&agrave;, immediati, fragranti, facili da assaporare nei diversi momenti della giornata:&nbsp;<strong>per un aperitivo veloce e in abbinamento a snack e tartine salate</strong>. Gli estimatori si dividono tra coloro che prediligono il gusto frizzante e gli amanti della variet&agrave; definita &ldquo;tranquilla", dal colore leggermente verdastro. La prima differenza tra uno spumante e l&rsquo;altro sta nella <strong>rifermentazione</strong>: l&rsquo;anidride carbonica che contengono proviene dalla fermentazione di zucchero aggiunto e, quindi, dalla trasformazione di questo ultimo in alcol ed anidride carbonica che nello spumante rimane intrappolata. Se la rifermentazione avviene in autoclave si parla di metodo Charmat o Martinotti, mentre il Metodo Classico punta sulla rifermentazione direttamente nella bottiglia in cui lo spumante sar&agrave; commercializzato.</p><p><strong>Districarsi non &egrave; per nulla facile,</strong> ma un aiuto ci vien dato anche dal vino base utilizzato per lo spumante&hellip;i <em>blanc de blancs</em>, come per esempio lo chardonnay, vengono prodotti da sole uve bianche; i blend, invece, rispecchiano la giusta proporzione tra uve a bacca bianca e a bacca rossa, mentre i <em>blanc de noirs</em> vengono prodotti utilizzando solo uve a bacca rossa come il pinot noir.</p><p>Oggi le <em>bollicine&nbsp;</em><strong>non sono pi&ugrave; associate solo ai momenti speciali</strong> e di festa, relegate perci&ograve; al fine pasto, ma stanno conquistando le abitudini dei gourmet che, sempre pi&ugrave; volentieri, le abbinano a <strong>piatti di alta cucina.</strong>&nbsp;Ed &egrave; soprattutto con l&rsquo;avvicinarsi della bella stagione che il vino frizzantino subisce un&rsquo;impennata. Il consumo dei vini rossi, di norma, tende a calare con l&rsquo;arrivo della primavera per lasciare il posto ai bianchi e agli spumanti, che ben si prestano per accompagnare le pietanze pi&ugrave; semplici dei mesi caldi, sempre meno elaborate a vantaggio della freschezza e leggerezza. La versatilit&agrave; di questi vini consente, infatti, di impiegarli non solo con tartine, pasta e riso, crostacei&nbsp; e pesce, ma anche con vitello tonnato, salumi e fritti leggeri.&nbsp;</p><p><strong><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b3f22173f.450.0.jpg" alt="" width="416" height="419" align="left" data-didascalia="" data-credits="" />Un ottimo abbinamento enogastronomico &egrave; offerto dal Solais</strong>, vino spumante di qualit&agrave; prodotto con il Metodo Classico dalla <span style="text-decoration: underline;"><span style="color: #0000ff;"><strong><a style="color: #0000ff; text-decoration: underline;" href="http://www.ladonnasarda.it/magazine/publidirezionale/6290/cantina-di-santadi-dove-la-storia-si-imbottiglia.html" target="_blank">Cantina di Santadi</a></strong></span></span>. I vigneti - 100% uve bianche autoctone &ndash; sono allevati a spalliera in terreni di medio impasto, sabbioso e argilloso. Per mantenere l&rsquo;acidit&agrave; e la freschezza delle uve la raccolta inizia ad Agosto, rigorosamente a mano, in cassette, e nelle ore fresche del mattino. Dopo la raccolta le uve seguono un processo di vinificazione classica in bianco, e la fermentazione avviene a temperatura controllata per una settimana. Successivamente, la base affina per 6-7 mesi sulle fecce fini in tini di acciaio. La fase di <strong>rifermentazione in bottiglia</strong> viene condotta con lieviti selezionati ad una temperatura costante di 12&deg;C per circa 40 giorni e l'affinamento prosegue per almeno 18 mesi con un continuo remuage. Nell'ultima fase, il degorgement o sboccatura, viene utilizzata una particolare liquer, e segue un ulteriore <strong>affinamento in bottiglia per almeno 6 mesi</strong> prima della commercializzazione. La sua spuma, cremosa con perlage fine e persistente, regala intense note di biancospino e frutti a pasta bianca che evolvono in crosta di pane e nocciola, dal gusto morbido ed elegante al tempo stesso, dove spiccano mineralit&agrave; e sapidit&agrave;. Le sue note fruttate si armonizzano alla perfezione con piatti a base di frutti di mare e crostacei.</p><p>Ovviamente, non ci si deve dimenticare del dolce. Lo spumante, considerato per eccellenza il vino della festa e perfetto per accompagnare il dessert, non deve mai mancare a fine pasto&hellip;perch&eacute; ogni vino ha la sua regola!</p><p>&nbsp;</p> NEWS pubbliredazionale santadi vino enogastronomia cucina Sat, 01 Apr 2017 20:00:37 GMT http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7070/bollicine-per-tutti-dall-antipasto-al-dessert-anche-in-sardegna.html admin 2017-04-01T20:00:37Z Le location TOP per sposarsi in Sardegna, in chiesa o in riva al mare? http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7054/le-location-top-per-sposarsi-in-sardegna-in-chiesa-o-in-riva-al-mare.html Quali sono le location TOP per sposarsi in Sardegna? Che sia in riva al mare, fra le antiche rovine di Nora o in Chiesa occhio al calendario: è tempo di scegliere il luogo in cui dire sì all'amore <p><strong>Fiori d&rsquo;arancio</strong>: la primavera e giugno, il mese che inaugura l&rsquo;estate, sono momenti ideali per fissare il giorno in cui dire s&igrave; (per sempre) alla nostra dolce met&agrave;. Chi non ha gi&agrave; deciso la data del matrimonio ed &egrave; ancora alla ricerca della location perfetta, potr&agrave; prendere spunto da questo articolo sulle <strong>location TOP per sposarsi in Sardegna.</strong></p><p>La nostra isola &egrave; famosa in tutto il Mondo per le bellissime coste, le spiagge candide: <strong>perch&eacute; non convolare a nozze proprio in riva al mare?</strong> L&rsquo;immagine di un matrimonio in spiaggia rimanda un po&rsquo; alle telenovelas americane, in cui la Brooke e il Ridge di turno (beniamini del pubblico di &ldquo;Beautiful&rdquo;) si scambiano l&rsquo;eterna promessa sulla battigia dell&rsquo;Oceano. Eppure molte donne sognano di sposarsi cos&igrave;, in <strong>contesti naturali emozionanti</strong>, a piedi nudi sulla sabbia inebriate dal profumo e dalla brezza del mare.</p><p>Purtroppo a meno che non si ottenga il consenso del Vescovo e del parroco, in Italia non &egrave; attualmente possibile celebrare il <strong>matrimonio religioso</strong> in luoghi diversi dalla Chiesa. Per il rito civile le cose stanno diversamente. Fino a qualche tempo fa l&rsquo;articolo 106 del Codice Civile ammetteva le sole nozze celebrate all&rsquo;interno della casa comunale davanti all&rsquo;ufficiale dello stato civile; con l&rsquo;entrata in vigore del d.P.R. 3 novembre 2000 invece &egrave; stato stabilito che <strong>ogni Comune pu&ograve; disporre anche di spazi esterni</strong> -sempre di competenza dell&rsquo;Ente-, <strong>come le spiagge.</strong></p><p><strong>Quali sono le location TOP per sposarsi in Sardegna?</strong></p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b329e4b53.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b329e4b53.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="" data-credits="" /></a></div><p>Nella nostra isola che si tratti di rito civile o religioso c&rsquo;&egrave; solo <strong>l&rsquo;imbarazzo della scelta.</strong> Partendo dalle spiagge e dalle location suggestive basta nominare <strong>Stintino </strong>e la sua affascinante <strong>spiaggia de La Pelosa</strong> dove troneggia l&rsquo;omonima Torre che guarda all&rsquo;Asinara. Fra i borghi marittimi non possono mancare <strong>Castelsardo</strong> <strong>e Alghero</strong>, la &ldquo;piccola Barcellona&rdquo;, che colpisce sempre con i suoi antichi bastioni e la natura avvolgente. A Castelsardo si pu&ograve; optare per una cerimonia nella <strong>Cattedrale di Sant&rsquo;Antonio Abate</strong> o sulle scogliere o ancora, sulle terrazze panoramiche degli hotel pi&ugrave; chic (per i riti civili).&nbsp;</p><p><strong>Altre location TOP per sposarsi in Sardegna</strong> sono la Costa Rei, <strong>Villasimius</strong>, immersa com&rsquo;&egrave; in un contesto paesaggistico di strabiliante bellezza; sulla costa Sud <strong>la spiaggia di Nora</strong>, circondata dalla storia dei reperti nuragici e fenici, ricca di stagni frequentati dai fenicotteri rosa (qui ci si pu&ograve; sposare fra le mura della <strong>Chiesa romanica di Sant&rsquo;Efisio risalente al 1.089</strong>).</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b32a105ed.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15b32a105ed.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="Chiesa Sant'Efisio a Nora" data-credits="" /></a></div><p>Per gli amanti delle <strong>location di lusso</strong> c&rsquo;&egrave; sempre la <strong>Costa Smeralda</strong>. Per un matrimonio in spiaggia si consigliano <strong>Cala di Volpe e Cala Petra Ruja</strong>, la cerimonia religiosa invece si pu&ograve; svolgere presso la <strong>Chiesa Stella Maris di Porto Cervo</strong>, attenzione per&ograve;: se il costo di un matrimonio &egrave; alto di per s&eacute; qui le tariffe potrebbero essere oltremisura.</p><p><strong>A Cagliari infine</strong>, il Consiglio Comunale &egrave; all'opera per consentire alle coppie di <strong>giurarsi eterna fedelt&agrave; nelle mete pi&ugrave; belle e ambite del territorio</strong>. Stiamo parlando della <strong>spiaggia del Poetto</strong>, di location suggestive come le rovine del nuraghe Diana nei pressi di Is Mortorius e l'antica casa campidanese Sa dom'e Farra (attualmente in ristrutturazione) dove sar&agrave; possibile <strong>sposarsi in abito tradizionale sardo</strong>. Il regolamento per i matrimoni e le unioni civili "da favola" sta per essere presentato al vaglio del Consiglio.</p><p>&nbsp;</p><p style="text-align: right;"><span style="font-size: 10pt;">&copy;Riproduzione riservata</span></p><p>&nbsp;</p> NEWS matrimonio nozze in sardegna matrimonio in spiaggia Sat, 25 Mar 2017 18:03:34 GMT http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7054/le-location-top-per-sposarsi-in-sardegna-in-chiesa-o-in-riva-al-mare.html admin 2017-03-25T18:03:34Z La Chiesa di Balai, monumento simbolo della Sardegna http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7048/la-chiesa-di-balai-monumento-simbolo-della-sardegna.html Il presidente della cooperativa Turris Bisleonis: «Un sito di importanza devozionale, storico e ambientale unico. Per questo è stata scelta dal Fai come "Luogo del cuore"» <p>La chiesa di Balai &egrave; l&rsquo;espressione di una devozione millenaria e meta di un pellegrinaggio continuo, molto sentito e forte. <strong>Il Fondo Ambientale Italiano (FAI) </strong>l&rsquo;ha scelta come luogo del cuore. Tra i siti di particolare fascino e rilevanza italiani si &egrave; piazzata al 16&deg; posto, con oltre 17mila voti.</p><p>Mi accompagna <strong>alla scoperta della chiesetta di <em>San Gavino a mare</em> (nota anche con il nome di <em>Balai vicino</em>)</strong> a Porto Torres, Maria Antonietta Montesu, presidente di <em>Turris Bisleonis</em>, cooperativa nata nel 2004 con l&rsquo;obiettivo di far conoscere ai visitatori la basilica di San Gavino, l&rsquo;importanza del monumento e<strong> la storia dei martiri turritani</strong>. Dopo aver frequentato un corso per la realizzazione di itinerari turistici, nel 2006 ha ottenuto la qualifica di guida turistica. Della cooperativa fanno parte anche Gabriella Sotgiu, operatore dei beni culturali, e Michela Piga, laureata in Lingue, entrate nel 2008 come collaboratrici e dal 2011 come socie effettive.</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15afb028b33.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15afb028b33.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="La coop Turris Bisleonis" data-credits="" /></a></div><p>&laquo;Non abbiamo documenti che attestino con precisione la data di costruzione della chiesetta &ndash; spiega la Presidente &ndash;. Si pensava fosse Ottocentesca, ma un altro socio della cooperativa, Giuseppe Piras, epigrafista, ha scoperto di recente nella chiesa di San Giovanni, a Bonorva, un dipinto con<strong> la pi&ugrave; antica raffigurazione finora nota della chiesetta di San Gavino a mare. Risale al 1600.</strong> &Egrave; un luogo del cuore a tutti gli effetti, perch&eacute; &egrave; un punto di riferimento per la citt&agrave; di Porto Torres, per tutta la Diocesi e per i paesi dell&rsquo;hinterland, devoti ai tre martiri turritani, Gavino, Proto e Gianuario. Ma la ragione della scelta da parte del Fai &egrave; anche geologica, archeologica, storica e, naturalmente, ambientale, perch&eacute; &egrave; <strong>collocata in un contesto unico in Sardegna</strong>&raquo;.</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15afb027259.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15afb027259.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="Interno della Chiesa di Balai" data-credits="" /></a></div><p><strong>La chiesetta era stata costruita su una roccia a picco sul mare</strong>, insieme agli ipogei annessi, in memoria del luogo di sepoltura dei martiri, giustiziati nel 303 circa a Turris Libisonis, in seguito alle persecuzioni di Diocleziano. Ogni anno il 3 di maggio, con la solenne processione che parte dalla Basilica di San Gavino, le statue lignee seicentesche dei tre santi vengono portate in processione fino alle tombe di Balai. Qui vengono adagiate all&rsquo;interno dell&rsquo;ipogeo, dove restano fino alla sera del giorno di Pentecoste. <br />Il sabato della Pentecoste, quindi, i fedeli si mettono in cammino&nbsp; da Sassari e, percorrendo a piedi la strada statale 131, arrivano in Basilica intorno alle tre e mezza del mattino. In passato i devoti percorrevano l&rsquo;ultimo tratto dell&rsquo;antica strada romana <em>Karalibus Turrem</em>, tratto che collegava Turris Libisonis (Porto Torres) a Karales (oggi Cagliari). &laquo;Una camminata che ha origini molto antiche &ndash; racconta la responsabile della cooperativa &ndash;. Gi&agrave; il canonico Francisco Rocca ne diede documentazione in un testo che risale al 1620, che contiene alcune norme di comportamento rivolte al pellegrino&raquo;.</p><div style="text-align: center;"><a class="imgblog" href="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15afb02934c.1500.0.jpg"><img src="http://donnasarda-galleria.softfobia.com/medias/1/uid_15afb02934c.450.0.jpg" alt="" align="center" data-didascalia="Ipogeo romano con simulacri lignei XVII sec." data-credits="" /></a></div><p>&laquo;Le infiltrazioni dell&rsquo;acqua &ndash; conclude &ndash; hanno infatti danneggiato l&rsquo;ipogeo, che deve essere assolutamente restaurato. <strong>La Chiesetta di Balai&nbsp; &egrave; tra i luoghi del cuore pi&ugrave; votati in Sardegna</strong> e, proprio per la sua rilevanza, ha necessit&agrave; di un&rsquo;opera di manutenzione. Anche per questo &egrave; stata scelta dal Fai&raquo;.</p><p>&nbsp;</p><p style="text-align: right;">&nbsp;</p><p style="text-align: right;"><span style="font-size: 10pt;">&copy;Riproduzione riservata</span>&nbsp;</p><p>&nbsp;</p> NEWS archeologia storia cultura sardegna Thu, 23 Mar 2017 11:38:50 GMT http://www.ladonnasarda.it/tempo-per-noi/7048/la-chiesa-di-balai-monumento-simbolo-della-sardegna.html admin 2017-03-23T11:38:50Z