Gio 30 Marzo 2017

La strepitosa Stagione concertistica del Teatro Lirico di Cagliari

 

teatro

Sarà la Nona Sinfonia Di Beethoven ad inaugurare la Stagione concertistica 2016 del Teatro Lirico di Cagliari il 29 gennaio. Non poteva che scegliere un inizio più beneaugurante dell’Inno alla gioia il Soprintendente neo eletto Claudio Orazi. A dirigere l’Orchestra e il Coro del Teatro nell’introduzione al ciclo sinfonico beethoveniano sarà il talentuoso sudafricano Gérard Korsten, già direttore musicale del Teatro cagliaritano dal ’99 al 2005. Korsten non sarà l’unico grande nome che Mauro Meli, scelto da Orazi per la direzione artistica, riuscirà a portare in quello che, al tempo della sua soprintendenza, è stato il teatro con più abbonamenti e biglietti venduti al mondo in proporzione al numero di residenti. Oltre alla grande violinista sarda Anna Tifu (il 10 e l’11 giugno), ci saranno grandi artisti come la giovane rivelazione Alpesh Chauhan che a giugno dirigerà lo stravagante Signum Saxophone Quartet e a settembre il pianista finlandese dalla tecnica strabiliante Olli Mustonen.

Imperdibile è il concerto dell’8 febbraio con gli scatenati Alesksey Iugudesman (violino) e Hyung-ki Joo (pianoforte) che si divertono a trasgredire ogni regola esecutiva in omaggio a una dissacrazione raffinata e colta capace di unire musiche come quelle della colonna sonora di James Bond alle sinfonie di Mozart. Divertenti e dissacranti saranno anche gli otto appuntamenti di Piacere, Beethoven! con cui il comico e conduttore televisivo Massimiliano Medda introdurrà alle sinfonie beethoveniane i ragazzi delle scuole che vorranno partecipare. Altri grandi nomi con cui il Soprintendente prevede che il teatro attirerà un numero di spettatori capace di superare i 370 mila euro di spese programmate per la Stagione, saranno il direttore d’orchestra Donato Renzetti, che il 4 e 5 marzo dirigerà l’Orchestra per la Quinta di Beethoven, la grande violinista Viktoria Mullova, il baritono Markus Werba, i direttori Michelangelo Mazza e Grzegorz Nowak e, unica donna a salire sul podio cagliaritano, Speranza Scapucci. A settembre ascolteremo, tra gli altri, il baritono star mondiale Luca Pisaroni e il 23 dicembre la Stagione si chiuderà col Concerto di Natale diretto da Giampaolo Bisanti.

Tutte le polemiche e le questioni legate alla gestione del Teatro, il Soprintendente intende trattarle con la massima trasparenza e nel sito è online una sezione con bilanci di esercizio e relazioni contabili. Alla conferenza stampa per l’insediamento di Orazi, qualcuno chiede a Meli se non abbia trovato inopportuno accettare l’incarico mentre è in corso un contenzioso. È Orazi a prendere la parola. “Il direttore artistico deve essere una persona realmente capace, non perché lo dice il suo curriculum vitae, ma perché la sua esperienza dimostri che è capace di comporre un team artistico, di progettare spettacoli compatibili con le risorse disponibili e col teatro, capace di sovrintendere tutti i progetti artistici, dalla ideazione alla produzione. Questo teatro ha bisogno di un professionista di alto livello e Meli lo è”.

Tags: teatro   beethoven