Mer 23 Agosto 2017

Cun sa fémina is diccius sardus segaiant a férru fénugu

 

tradizioni

Scrivere in Lingua Sarda comporta un ragionamento e un vissuto intimo delle proprie radici che, sperando di fare cosa gradita, da oggi porgiamo a voi lettori.

Parlare il Sardo è ragionare nel vigore della propria identità. Essere confinati in una realtà di disglossia -  in cui il popolo può parlare la propria lingua solo in ambiente familiare - da quasi due secoli, per alcuni è fatto umiliante, e se forse non è stato sempre un male, certamente è un bene capire da dove arriviamo, tenendo fermo quanto Gramsci, e altri con lui, osservarono a tempo debito:
«Il Sardo non è un dialetto ma una lingua a sé ed è bene che i bambini imparino più lingue».
Per Emilio Lussu la Lingua è condizione indispensabile al futuro della Sardegna:
«Il popolo sardo non può fallire. Ma si estingue anch’esso se perde la Lingua». 

Riconosciuta ufficialmente come Lingua dalla Comunità Europea e dal Governo italiano, noi cerchiamo di auspicarne sia la comprensione che l'uso partendo da una aména riflessione attinente alla nostra linea editoriale: la figura della donna nei proverbi sardi. Secondo la nostra ricerca la donna era spesso vittima di pregiudizi e sbeffeggiata (príulada) soprattutto se forestiera. Da qui il nostro titolo "Cun sa fémina is diccius sardus segaiant a férru fénugu" ovvero "I proverbi sardi massacrano la donna senza criterio". Come, dunque, veniva percepito il ruolo femminile nella società arcaica sarda?  

*Bibliografia di riferimento Giovanni Spano, Antonino Rubattu, Giovanni Mura, Max Leopold Wagner, Mario Puddu, Massimo Pittau, Vincenzo Porru. 

Sa limba de is Sardus est antiga a bisu meu cantu, e fintzas e de prus, de is nuraxis. Podeis crere tottu is fainas ci at depiu descriri. A calecuna crosidadi nci podeus arribari scultandu is diccius geniosos de is antigus ci como, in beranu, accustumant a si setzere in brunc'e janna a sterrere allegas medas.
Intra i diccius de prus'ispassiu cussus imbenturiaus po is feminas, o po mengius narriri po is pobiddas, giai faint erriri ma sunti pentzaus po induxiri a no fari is cosas cena sentidu perunu.

Paragonait bosatrus ita oliat narriri a si cojari in antigoriu: sa coja no fiat cosa stibilia a sa lestra, cun su sentidu a pesone. Sa gente, de gandu allúescíat, fiat pentzandu a comente agattari trabaxiu po si sistemari, po si fari sa domo e si ciappari na brava picciochedda po tennere fixiusu cantu sa gratzia de Deus ndi mandada. A innanti de sa scebera, in domo s'ómini foeddada cun sa familia e, mancari asutt' e matafura, poitta ca non fiat costumini a chistionari de amore e sentimentos cena unu filu de bregungia, e tandru umperaiant is diccius.

Su prus nodíu, a bisu meu, est "Cuaddu e pobidda leadiddus in bidda". S'intesione fiat prus che crara: su strumentu po trabaxiari e su strumentu po' si fari familia (che ci narriri sa fémina) fiat a si ddus ciccari in logu seguru.

Su penztamentu prus mannu fiat agattari una pobidda ci fessit capassa de contifixiari sa domo, sa bellesa beniat a pustis meda, difatti is antigus accostumant a sententziari: "Bellesa no fait domo".
Un'atru dicciu giai giai oguali fiat: "Sa femina est che sa mela: bella infora e punta aintru", che ci narriri ca bisongiaiat a tennere is ogos apertos a innantis de si cojari po no agattari malas improvvisadas a sa coa. Senonché, fintzas a candu sa femina fiat giai sceberada, abarraiant in dudas ettottu: difatti is beccios fiant cunvintus ca: "Tres cosas sunt trevesas in su mundu: sa brebé, su molente e sa femina". Ci unu fiat indecidiu no fiant de aggiudu meda, si benit a narriri.
Sa femina ci pariat balente no fiat aggradessia meda poita timiant ca "Sa femina puntuda sbregungiat su pobiddu"; a no ddi ponnere salía in su nasu a sa femina no fiat una virtudi po issa, timiant prus a prestu a no fari agattari mali su pobiddu, "po no ddi nci cravari su runcu in su ludu" accustumaiant a narriri.

In cali manera si siat, fúrria e torra a fúrriàri, fiat sempre crupa de sa femina ci calecuna cosa no andaiat bene, tandru narant: "Ita crupa tenet su attu ci sa messaja est macca?".
Ci sa femina fiat alligra meda no andaiat bene ettotu, poitta pentzanta ca: "Femina risulana, o est macca o est vana" e ci fiat abrista ndi bogaiant su dicciu ca su pobiddu fiat unu conta civraxius: "Pobiddu tanalla, pobidda fraitza", a cini da boliat cotta a cini da boliat crua.

Benendo a conclusione, is antigus timíant ci su mundu fessit furriau a su imbesse: dogna cosa deppiat abarrari a su séttiu connottu diffenente in nudda, difatti naraiant: "Bardadía de femina chi tenet boghe de homine e de homine chi tenet boghe de femina". E dognunu in su tanti sua.

 

©Riproduzione riservata

 

Tags: tradizioni   poesie   limba   lingua sarda